Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Mariella Buscemi

Psicologa/Autrice, nato domenica 3 gennaio 1982 a Enna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Mariella Buscemi
Recitami con la lingua
le parole liquide di saliva e sapori,
il retrogusto di un sussurro,
l'intensità dell'acido che diviene dolce
ed inondami di pura poesia profana
che mi renda legittima protagonista
dei tuoi componimenti
perché le tue dita rimino al contatto con la mia pelle
e che i miei ricci diventino desinenza emotiva,
il cuore sdrucciolo
ed il desiderio metafora di noi.
Mariella Buscemi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Buscemi
    Ho un eccesso d'anima pericoloso
    che rigurgita da cartilagini e giunture
    stringe sui gomiti
    e strozza l'aria per fuoriuscire
    come in una gravidanza desiderata
    che mette a frutto il frutto
    e vede molto
    e sente intenso
    ed usa il silenzio per dire troppo
    e rifiuta per accettare
    e muore per vivere
    e striscia per riposare
    ché non gli è concessa tregua
    se non il finire.
    Mariella Buscemi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Buscemi
      Baciami le labbra
      e leggimi l'origine delle poesie
      versi malinconici sulla saliva
      bevimi per comprendermi
      fingere di morire
      e scoppiarmi
      e morirmi davvero
      addormentati e restami
      in un angolo rotondo
      risalimi lungo la lana dei capelli
      copriti il collo delle trecce sfatte
      teniamoci strette le tracce addosso

      Sa d'essenza di fresie la stanza buia
      e la notte scura
      dei rossi respiri
      frangere fioco riverbero esterno
      come di luna che scruta
      le seriche pelli sgualcite
      dalle mani fameliche
      dal fiato affannato
      al respirare placato
      stanco
      lento
      costante
      fino al giorno.
      Mariella Buscemi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Buscemi
        Non portatemi dei fiori
        ma
        portatemi dai fiori
        e raccoglietemi i petali da questa nudità sfrontata

        Ho steli brulli e spine acuminate
        e delle corolle ho un ricordo lucente in mente
        una rossa vivacità d'altri tempi
        la superbia frusciante al passo
        per i campi, tra l'erba
        che i gladioli sferravano la spada in in difesa
        ed i tulipani chinavano il capo

        Rosa sintetica

        Petali di velluto sgualciti.
        Mariella Buscemi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Buscemi
          Scorgimi
          questa mia friabilità sfasciata
          al centro della schiena
          come se le vertebre fossero falde di fiume
          alzate da soffi scheletrici di vento
          e spinta di mareggiata
          convergere d'un tratto
          nell'orizzonte di carne

          Fare del mio dito, il tuo dito
          le mie sensazioni come fossero le tue
          indotte
          provocate
          masturbate appena sul pensiero di te.
          Mariella Buscemi
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Mariella Buscemi
            Se m'entrassi dentro agli occhi
            troveresti il calco del tuo nome
            inciso sulle cornee
            a riflettere le iridi che catturano colori
            e
            le pupille ladre che tatuano
            e generano crosta di memoria
            _t'accosterei al rosso d'un bruciore
            al vermiglio della ferita che s'apre
            e mi passeresti per l'insano trasfigurato
            - dentro e fuori -
            congestionarmi di peccato.
            Mariella Buscemi
            Vota la poesia: Commenta