Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marhiel Mellis

Irreversibile malinconia

Questo cercare profili,
e sguardi
lungo vie,
quest'ansia
di strette di mani,
questo ingigantire
quel senso d'abbandono
che limita
ragionevolezza
degli innumerevoli
propositi
nel non voler intagliare
solo d'apparenza
il mio giorno...
Vado per vetrine,
luccichio inutile
di desiderio
di cose che poi
trascuro,
lasciando alle ore
tracce
del mio solitario
camminare.
M'apposto
in un angolo remoto
nella mente...
e piango
la mia irreversibile
malinconia di te.
Marhiel Mellis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marhiel Mellis

    Tu, essenza vitale

    Cosa mi ha stupito,
    forse la tua lucida pupilla,
    o le tue movenze,
    o il tuo intonare sinfonie
    nel tuo andare verso il mondo...
    Cosa mi ha intrigato,
    forse le tue umide labbra,
    il tuo avvicinarti ai
    miei segreti bisbigli...
    il tuo pensiero, la tua logica,
    il tuo appassionarti
    al tramonto promesso
    ai sogni...,
    la carezza materna che è in te
    o ancora il tuo farmi sentire felice
    nel mio esilio quando tu,
    pur lontano dai miei baci,
    sei ugualmente essenza vitale
    nella mia mente.
    Marhiel Mellis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marhiel Mellis

      Influsso d'amore

      Languido influsso
      è quell'ora
      quando il tuo silenzio
      m'attrae...
      e osservo muta
      il tuo respiro...
      e t'immagino
      destriero del tempo,
      a rincorrere sussulti
      di passione
      e stendere il tuo manto
      di principe
      nei miei sogni...
      e le tue mani
      corde di cetra
      a inventare armonie
      sulla mia timidezza...
      Ti guardo nella mente
      e ti amo
      di pensieri
      che s'allungano
      improvvisi nastri
      avvolgenti il tuo essere
      sorpresa per me...
      pur nel tuo perderti
      lontano.
      Marhiel Mellis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marhiel Mellis

        Il mio particolare

        Il mio particolare
        si ferma nel tuo sorriso,
        s'infiamma tra le tue labbra
        disegnate di morbidezza...
        Il mio particolare
        che stravolge il desiderio
        si ferma al tuo bacio
        che languido s'offre
        alla mia pelle...
        Il mio cercarti
        è ovunque il tuo profumo
        indichi il tuo passaggio
        e m'inebrio seguendo l'orma
        come segugio fedele
        annusando l'amore
        e calda amante
        m'accuccio
        assaporando con lentezza
        il tuo respiro...
        Marhiel Mellis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marhiel Mellis

          Stringi le mie mani

          Stringo le tue mani,
          amico mio,
          e ascolto il tuo dolore...
          racconta di te,
          la tua lontana terra amata
          e debole di futuro,
          la tua paura
          nel sentirti diverso,
          il tuo fuggire
          dai deliri del vivere sperduto
          senza sguardi d'amore...
          stringo forte le tue mani,
          amico mio
          e tu, improvvisamente
          hai coraggio
          per guardare avanti...
          Stringi le mie mani,
          amico mio
          e ascolta le mie incertezze,
          ti racconto
          della mia terra amata
          apparentemente dura di pregiudizi
          nelle menti,
          capisci la mia paura
          dell'ignoranza intorno che respiri,
          il mio fuggire, attonito,
          dai deliri dell'indifferenza
          e della supponenza.
          Stringi le mie mani
          ed io improvvisamente
          non sono più solo...
          andiamo insieme, amico mio,
          solidali di domani...
          anime uguali tu ed io,
          in uno viaggio
          lungo la vita dei nostri destini.
          Marhiel Mellis
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Marhiel Mellis

            Se la morte credi amica...

            Se la morte credi amica
            lasciati scivolare nel silenzio
            delle sue tentazioni...
            lasciati convincere
            da notturne buie albe
            e accecanti eterni tramonti...
            Se la morte ti pare salvezza
            lasciati andare al suo delirio
            ma dissolvi sorrisi in smorfie,
            brucia fuoco in laghi,
            cerca dirupi in altalene danzanti
            u prati...
            Se la morte ti sussurra invitante
            non credere mai a chi urla: amo vivere
            ... e che smarrisce, invece disperato,
            l'ambito respiro...
            e se pensieri sono sempre più
            allettanti di vuoto
            pensa a come la morte gioisce
            estinguendo, indifferente, montagne di sogni,
            continua pure a bramare
            il gelido suo fiato
            come unico creduto ponte
            tra sollievo e dolore,
            danza nel suo apparente giardino nero
            dove ogni fiore mai sboccia
            e non ha colore e né respira il sole.
            Marhiel Mellis
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Marhiel Mellis

              Se mi manchi

              Se mi manchi
              è perché non ho sole,
              non ho stelle,
              non vedo luna...
              Se mi manchi
              è perché l'alba
              non illumina
              e il tramonto è in me...
              Se mi manchi è perché
              non sai del sorriso ucciso,
              degli occhi chini,
              delle labbra tirate,
              e non puoi udire il rumore
              di una parola inutilmente
              sospirata...
              Oh! Non sai del silenzio
              nelle ossa,
              nelle vene,
              nel passo che resta
              impronta malferma
              incisa di nostalgia.
              Se mi manchi
              è perché sei malattia
              che non guarisce il cuore,
              dal tuo ricordo, drogato.
              Marhiel Mellis
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Marhiel Mellis

                Ascoltami

                Ascoltami...
                Odi il tempo
                che sussurra ricordi.
                Odi voci
                che come nastri multicolori
                adornano frasi rinchiuse
                ancor di timidezza.
                Ti leggo,
                nei pensieri,
                nelle pagine del tuo io,
                e scorro fogli di vita
                ricercando attimi
                che scintillino
                nelle notti
                dove tutto tace
                e sospirino solo di sogni
                che hanno sfiorato
                desideri d'amore.
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Marhiel Mellis

                  Se l'amore...

                  Se l'amore
                  nutrisse solo di sguardi
                  penserei ancora al tuo
                  per saziarmi
                  e se fosse goccia
                  che scheggia invisibili fessure
                  di pensieri teneri,
                  fino ad arrivare
                  al centro della mia mente,
                  pronta, immobilizzerei unite le mie mani,
                  ad accoglierla sicura.
                  Ma se l'abitudine e la fiacchezza di slanci
                  non fossero demoni
                  che influenzano l'amore
                  al silenzio stanco del tempo
                  avrei udito ancora urlare
                  la fantasia del desiderio
                  inducendo la vita
                  a rinnovare attimi...
                  in sorprese d'amante.
                  E così avrei continuato a parlarti
                  dei miei sogni
                  che strepitano ancora
                  riflessi di attese,
                  di certo, ugualmente carpirei i tuoi
                  da plasmare con cura nei miei respiri...
                  e se l'amore avesse vinto,
                  mantenendo fresco e intenso lo sguardo
                  di quel primo incontro impaziente,
                  occhi sarebbero ancora appagati
                  di quella sola luce che può trafiggere
                  qualunque oscurità
                  di ogni inevitabile malinconia.
                  Marhiel Mellis
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Marhiel Mellis

                    Ed io sarò felice!

                    Sarà un giorno
                    che improvviso
                    ricorderai.
                    Sarà forse un suono.
                    Un bisbiglio.
                    Uno strusciare di lenzuolo.
                    Un profumo,
                    un odore.
                    Sarà una parola,
                    un attimo di colore,
                    un raggio su una pianella.
                    Saranno quattro mura,
                    una finestra,
                    una luna che indolente
                    corteggia stelle.
                    Sarà la pioggia,
                    in un mese di pensieri
                    chiusi... nella mente
                    ma fuggiti per invitare amore.
                    Sarà che mediterai
                    la vita...
                    guardando indietro e avanti
                    il tempo finito.
                    Sarà solitudine
                    o realtà incompresa,
                    ... ti ricorderai.
                    Ed io sarò felice!
                    Marhiel Mellis
                    Vota la poesia: Commenta