Poesie di Marco Panizza

Nato a Alessandria (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Marco Panizza

Io, te e l'Ikea

Perché perdersi è come qui
tra le nostre pagine
e quelle dei soggiorni
girando la pagina
quella dei sorrisi.

Abbracciati
per un tempo troppo determinato
fino alla prossima edizione.

Per sempre amore
infinito legno
infinite pagine
di promo appeal
per te, per me.

Aspettiamo a girare pagine
non così di fretta.
Torniamo alla colazione a letto
quella dei vassoi e piumoni.
Piano, piano...
Marco Panizza
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Panizza

    B V N

    Buon viaggio nutella
    filosofia e malinconia
    gusto mentale
    dolcezza e ricordi di madri.

    Buon viaggio nutella
    sapore andato
    sapore tornato
    allo "psico palato".

    Buon viaggio nutella
    soffi di tempi
    di treni passati
    noi fanciulli pensati
    noi adulti di neve.

    Buon viaggio nutella
    pane Freudiano
    contrasto felice
    dall'analista spalmiamo.
    Marco Panizza
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Panizza
      Schizzofrenica la tua mente
      di tutti noi politico arrampante
      nel tuo Stato
      del tuo credo agiato
      del tuo comunicare
      finta saggezza e cripta tristezza.

      Bastarda vita del tuo coerente Boss
      che non latita più
      perché lo Stato sei tu
      programmando con Lui.
      Con i tuoi occhi lucidi all'anniversario.
      L'anniversario di Falcone.

      Con lei che non gliene frega niente
      e di quel niente che fa tendenza
      e gira insieme al sistema
      è un sistema che ricicla.

      Il sistema non si può più intercettare.
      La strategia vince e continua.
      Lei intanto compra scarpe.
      Tu la scopi quando puoi
      lei gode quando vuole
      e solo con i flash ti sta vicino.
      Con lo sguardo di circostanza
      Parli poi di Borsellino.
      Marco Panizza
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Panizza

        Noi verso nord

        Vedi amore nel cielo non succede più niente.
        Delle nuvole e dell'azzurro cosa ce ne facciamo?
        Le arrotoliamo con le parole ti amo
        e facciamo ombre da lontano?
        Ma quell'aeroplano non è una stella.

        Dei mari e di un'orizzonte
        che non raggiungeremo mai.
        Chissà se esiste poi l'orizzonte.

        Stammi vicino mentre cediamo verso nord.
        Guardiamo la biancheria stesa
        fotografiamo una mamma che stira
        dalla finestra di quei cieli terreni
        della nostra stella reale
        come un casello autostradale
        e di un gesto normale

        Noi siamo ancora qua
        cercando di emozionarci
        ormai che il nostro mare
        è una zona industriale.

        Siamo a nord del nostro amore
        siamo nei cieli consumati
        nelle stelle spente e impolverate
        siamo nel gelo
        noi verso nord.
        Marco Panizza
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Panizza

          Cronaca di un'assenza

          Ho ignorato la tua assenza
          come materia viva e presente
          ma invadevi il mio respiro
          con lui ti attendevo.

          Le mie ali basse
          dal tuo fermo vento.

          Poi un giorno il tuo sguardo
          così bello da uccidermi ancora
          così falso da non illudere un bambino.

          Forse eri solo il mio dolore
          la tua presenza d'assenza
          ma con la mia morte finita
          ti sono volato via.
          Marco Panizza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di