Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lucia Marolla

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Racconti.

Scritta da: Lucia Marolla

A onor del vero

Illustre poeta
Salustri Carlo,
saranno lustri che più non assisti
alle comiche delle nostre vicende "sinistre",
sui nostri costumi
e le allegorie scioviniste
che sciorinano tutti per poesia,
ciò che invece è pura eresia.
Qui se non si ride
è perché dormono tutti...
sugli allori, quelli ormai distrutti.
tra tiri e sputi, ladri fottuti,
corrotti e cornuti
che solo di questo sono "vestuti".
non si vergognano di tanta boria
forse più grande dell'Andrea Doria.
Lustrano il crine nero della boria
per assurgere ad una costipata... solenne... falsata gloria.
Lucia Marolla
Composta mercoledì 5 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Marolla

    Oltre la materia

    Uomo, in te aleggia lo spirito divino, il moto universale.
    Tu
    fenomeno di volontà misteriose,
    dove tutto è e tutto puoi:

    creare, volare, danzare,
    in un crescendo di armoniche energie
    dove vola la tua libertà
    e la tua identità spirituale.

    Al suono della tua anima
    vibra il tuo corpo,
    e ti sorprendono i fenomeni della tua esteriorità.
    Tu uomo vivi nell'estensione del tuo divenire.

    Ascolta quindi i suoni in te racchiusi,
    in un crescendo di azioni magiche.
    Non lo scordare, sei materia sì,
    ma soprattutto spirito, essenza e creatività divina.

    Tu,
    infinitesimale atto creativo,
    nel tuo spazio la realtà è materia:
    concreta, perfetta e visibile.

    In te, uomo, tutto è possibile
    tu socio immanente tutto puoi.
    Tu organizzato sistema di atomi e molecole,
    nucleo compatto

    eppure distinto
    unico e suddiviso
    nel tuo spazio dove vive il tempo e l'armonia
    lì c'è il tuo sogno finito e infinito.
    Lucia Marolla
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Marolla

      I mitili ignoti

      Sai!
      Un ignoto ignaro non sa la differenza.
      Falla tu che hai prestanza.
      Per loro l'afflato di... vino
      è un fiasco impagliato.
      Colpa della cultura?
      Impegnar la mente?
      Fa paura! Meglio niente!
      La cultura? Boh?
      Occupare la mente!
      Oddio!...
      va aderente e...
      al pensier di questo mostro,
      si addormentano...
      col pater nostro.
      Lucia Marolla
      Composta venerdì 20 maggio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Marolla

        Tricolore

        Ma che dici?
        Noi europei nemici!
        E se pur fosse?
        Ricordi quelli con le camice rosse?
        Ti sembravano pulci con la tosse!
        Erano uomini di Roma lupa
        e non nemica triste e cupa
        per cui non hanno neppure torto
        hanno pagato con la loro vita e la loro morte.
        E poi gli artisti?
        Di alloro cinti?
        Dove li metti?
        Tra i santi e i patrioti benedetti!
        E il pensiero che va "sulle ali d'argento"
        cosa ti sembra forse un unguento?
        Stima avevano tutti di noi
        avevamo forza e motivazioni.
        La grandezza artistica degli eroi
        e quella l'abbiamo solo noi
        stirpe italiana, grandi condottieri,
        uomini dotti e veri
        a difesa della patria sana e sincera,
        quella di ieri.
        Sempre fulgida la loro grandezza
        che i popoli scosse
        altro che le pulci con la tosse!
        Lucia Marolla
        Composta giovedì 10 dicembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lucia Marolla

          Brutti... e... farabutti

          Caro amico... questo è quanto.
          Per ora sono affranto e pertanto
          ci vado a quel paese di beduini.
          Tu apri i padiglioni
          ed io do fiato ai polmoni.
          Ho incontrato cretini a mucchi
          abitato da mammalucchi
          là nel paese di soli crucchi.
          Faceti al lor dire.
          O meglio... o a lor... dare!
          Ma pur sempre a perpetrare
          perennemente il soffrire della gente.
          Che vergogna e che somari!
          Non fanno altro che rubare.
          A me pare di vedere troppi vagabondi con le... sfere.
          Quanti ne metterei alle gogne
          per questa bestiale inciviltà.
          Rimbambiti vagabondi, ignoranti di ogni età.
          Tanti balordi di qualità.
          E nessuno a cercare una soluzione
          per guarire questa nazione.
          Una realtà malata di precarietà
          oscurantismo e inciviltà.
          ... ave... morituri te salutant
          avete lasciato il "bel paese" in mutand.
          Lucia Marolla
          Composta martedì 9 febbraio 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Lucia Marolla

            Lo Renzi il magnifico

            Zimbello-zibaldone

            Quanta bella giovinezza mia
            Porto in giro per la via
            Vero o falso quel che dico
            Serve per restare amico

            E mi hanno accolto come modello
            Perché sono furbo e bello
            So arcuare archi a tutto tondo
            per fregare bene il mondo

            Girare sempre la minestra
            fa bene a sinistra e anche a destra
            Ed io col mio bel faccione
            Partecipo anch'io alla divisione

            E imparo a fare il furbo
            per sapere dove mettere il disturbo
            Vo di qua e vo di là
            E so con chi devo star

            Per il tesoro da amministrar
            E anche se nessuno mai l'ha vista
            Fa sempre bene rigirar minestra
            Verso sinistra oppure destra

            E così non ho mai il disturbo
            D'imparare a fare il furbo
            E questo e quanto ora vi dico
            Anche se non ancora imparo a fare il fico.
            Lucia Marolla
            Composta lunedì 24 febbraio 2014
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Lucia Marolla

              Baldi a... mille

              Heilà! ragazzi
              di questa nazione.
              "ò he tu fai!"
              spero non solo i c... si tuoi
              tornare a ieri non vorrai,
              quella bella e desta
              VIVA L'ITALIA!
              rinata e ridesta
              che a tutti i suprusi ormai
              dice: basta!
              perciò cresci e via... la balia!
              siamo in italia
              vieni alla festa
              ma con la banda (... na...)
              in testa.
              Qui troverai ancora altri mille
              tutti baldi a far faville
              contro ladri collezionisti di ville.
              Mentre noi costruiamo
              sulla nostra pelle
              una terra nuova, onesta e bella
              fatta di uomini veri e doverosi
              e non una massa di ingordi viziosi.
              Lucia Marolla
              Composta martedì 20 maggio 2014
              Vota la poesia: Commenta