Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Leybi Constanza Rosado Cabrera

Nato domenica 20 settembre 1970 a Santo Domingo (Repubblica Dominicana)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Te busco

Te busco en el dulce
silencio de una alborada,
en el frescor,
y la esperanza
que le regala el rocìo
a la mañana.

Te busco en la inquietud
y el tormento desesperado
que provoca la cruel ausencia
de un amor verdadero
en el alma y el pasar
de los  años.

Te busco en el màgico socavar
de los misterios de la vida,
y en un corazòn
lleno de emociones
nunca jamàs
vividas.

Te busco y te he de buscar
màs allà del sol,
màs allà de la piel,
del tiempo infinito
y tu frìo desdèn.

Te busco en un suspiro profundo
al caer el atardecer,
cuando florece una sonrisa
en los pliegues de la vejéz
recordando el arcoiris
del nèctar de su ayer.

Te busco y te he de buscar
màs allà del sol,
màs allà de la piel,
del tiempo infinito
y tu frìo desdèn.


TI CERCO

Ti cerco nel dolce silenzio
di un'alba,
nella freschezza
e la speranza
che dà la rugiada
al mattino

Ti cerco nell'inquietudine
e il tormento disperato
che provoca l'assenza crudele
di un amore vero
nell'anima e negli anni

Ti cerco nel magico scavare
dei misteri della vita
e in un cuore
pieno di emozione
mai e poi mai vissute

Ti cerco e ti cercherò
al di là del sole
al di là della pelle
del tempo infinito
e il tuo freddo disprezzo

Ti cerco in un sospiro profondo
allo scendere del tramonto
quando fiorisce un sorriso
tra le pieghe della vecchiaia
ricordando l'arcobaleno
del nettare di suo ieri

Ti cerco e ti cercherò
al di là del sole
al di là della pelle
del tempo infinito
e il tuo freddo disprezzo.
Leybi Constanza Rosado Cabrera
Composta martedì 6 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta

    Il canto silenzioso delle stelle

    L'abbagliante azzurro del cielo
    svanisce nel buio di questo mondo
    spento di sogni di libertà
    e incatenato ad una felicità
    superflua e fasulla

    un mondo spento di magia e cuore
    ormai sommerso di anime diventate cieche
    perché manipolate degli stessi burattinai
    dei cuori pietrificati
    con manie di onnipotenza

    chissà se là fuori esiste ancora chi crede ciecamente
    nel vero amore?

    Chi si emoziona facendo scendere una lacrima
    davanti a un bel tramonto?

    Chi come me compone poesie con dei versi d'amore,
    pace e libertà dell'anima?

    Chi sogna il domani guardando il meraviglioso spettacolo gratis
    del canto silenzioso delle stelle?

    Chi si addormenta sereno con l'assoluta sceltezza
    che domani sarà un giorno migliore di oggi?

    Chissà, chissà, chissà!
    Leybi Constanza Rosado Cabrera
    Composta giovedì 25 luglio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Il nastro dell'amore e della pace

      Vorrei che soltanto per un attimo
      l'intero mondo si fermasse
      e ogni persona dentro sé stesso
      ad ascoltarsi nel profondo imparasse

      Ad ascoltare il saggio sapere del cuore
      ad ascoltare il magico suono delle ali
      della libertà in volo
      nel viaggio infinito dell'anima

      E quando la terra tornerà a girare
      ritrovarci come piccoli boccioli
      tutti di fiori diversi
      in un immenso giardino
      dove possiamo finalmente
      sbocciare felici

      Ognuno col suo colore
      Ognuno col suo profumo

      Donandoci alla nostra amata terra
      come un gigante bouquet
      con rispetto e umiltà
      tutti uniti e legati in armonia
      dal più prezioso dei nastri
      quello dell'amore e della pace

      Ognuno col suo colore
      Ognuno col suo profumo
      Leybi Constanza Rosado Cabrera
      Composta venerdì 21 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta

        La vita è sempre bella comunque!

        La vita è sempre bella comunque!
        Anche quando ti sentirai dentro a un vortice
        di grande dolore e la tua anima
        avvolta nell'ombra dell'oscurità.

        Vivere!

        La vita è sempre bella comunque!
        Anche quando ti sentirai perso e
        vagabonderai nella nebbia di ogni dove
        quando il tuo cuore spezzato sarà.

        Vivere!

        La vita è sempre bella comunque!
        Anche quando feriranno il tuo dolore
        calpestando la tua dignità,
        i tuoi sogni e ogni speranza svanirà
        quando la gioia negli occhi
        della sconfitta vedrai.

        Vivere!

        La vita è sempre bella comunque!
        Anche quando un giorno tra
        sofferenza, sconfitte, dolore,
        un volto segnato e stanco
        nello specchio del tramonto
        davanti a te non riconoscerai.

        Vivere!

        La vita è sempre bella comunque!
        Anche quando in fondo al tunnel
        una piccola lucina lontana lontana vedrai
        vacci incontro, non ti abbattere
        e continua a camminare, lotta!
        Perché quando meno te l'aspetti
        quella piccola luce "il sole" per te diverrà.

        Vivere!
        Leybi Constanza Rosado Cabrera
        Composta giovedì 16 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta

          Ti aspetterò

          Ti aspetterò sotto il manto
          di un caldo mattino
          che nell'incanto del silenzio profondo
          abbraccia un sogno di speranza

          Ti aspetterò per sempre
          Ti aspetterò nella distanza

          Ti aspetterò in eterno al di là del tempo
          come l'alba aspetta la rugiada
          con un amore infinito
          e una passione senza tedio

          Ti aspetterò per sempre
          Ti aspetterò nella distanza

          Ti aspetterò in un campo
          coltivato di nostalgia,
          di gigli e girasoli,
          innaffiati col pianto
          del mio cuore ferito

          Ti aspetterò per sempre
          Ti aspetterò nella distanza

          Ti aspetterò dipingendo
          la tua faccia amata
          sopra il vestito della mia anima
          che ti aspetterà
          in eterno innamorata

          Ti aspetterò per sempre
          Ti aspetterò nella distanza.
          Leybi Constanza Rosado Cabrera
          Composta giovedì 20 settembre 2001
          Vota la poesia: Commenta