Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Jacques Prévert

Poeta e sceneggiatore, nato domenica 4 febbraio 1900 a Neuilly-sur-Seine (Francia), morto lunedì 11 aprile 1977 a Omonville-la-Petite (Francia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Umorismo.

Scritta da: Silvana Stremiz

Le temps perdu

Devant la porte de l'usine
le travailleur soudain s'arrête
le beau temps l'a tiré par la veste
et comme il se retourne
et regarde le soleil
tout rouge tout rond
souriant dans son ciel de plomb
il cligne de l'oeil
familièrement
Dis donc camarade Soleil
tu ne trouves pas
que c'est plutôt con
de donner une journée pareille
à un patron?
Jacques Prévert
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Je suis comme je suis

    Je suis comme je suis
    Je suis faite comme ça
    Quand j'ai envie de rire
    Oui je ris aux éclats
    J'aime celui qui m'aime
    Est-ce ma faute à moi
    Si ce n'est pas le même
    Que j'aime chaque fois
    Je suis comme je suis
    Je suis faite comme ça
    Que voulez-vous de plus
    Que voulez-vous de moi

    Je suis faite pour plaire
    Et n'y puis rien changer
    Mes talons sont trop hauts
    Ma taille trop cambrée
    Mes seins beaucoup trop durs
    Et mes yeux trop cernés
    Et puis après
    Qu'est-ce que ça peut vous faire
    Je suis comme je suis
    Je plais à qui je plais
    Qu'st-ce que ça peut vous faire
    Ce qui m'est arrivé
    Oui j'ai aimé quelqu'un
    Oui quelqu'un m'a aimée
    Comme les enfants qui s'aiment
    Simplement savent aimer
    Aimer aimer...
    Pourquoi me questionner
    Je suis là pour vous plaire
    Et n'y puis rien changer.
    Jacques Prévert
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Démons et merveilles
      Vents et marées
      Au loin déjà la mer s'est retirée
      Et toi
      Comme une algue doucement caressée par le vent
      Dans les sables du lit tu remues en rêvant
      Démons et merveilles
      Vents et marées
      Au loin déjà la mer s'est retirée
      Mais dans tes yeux entr'ouverts
      Deux petites vagues sont restées
      Démons et merveilles
      Vents et marées
      Deux petites vagues pour me noyer.
      Demoni e meraviglie
      Venti e maree
      Lontano di gia' si e' ritirato il mare
      E tu
      Come alga dolcemente accarezzata dal vento
      Nella sabbia del tuo letto ti agiti sognando
      Demoni e meraviglie
      Venti e maree
      Lontano di gia' si e' ritirato il mare
      Ma nei tuoi occhi socchiusi
      Due piccole onde son rimaste
      Demoni e meraviglie
      Venti e maree
      Due piccole onde per annegarmi.
      Jacques Prévert
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il tempo perso

        Sulla porta dell'officina
        d'improvviso si ferma l'operaio
        la bella giornata l'ha tirato per la giacca
        e non appena volta lo sguardo
        per osservare il sole
        tutto rosso tutto tondo
        sorridente nel suo cielo di piombo
        fa l'occhiolino
        familiarmente
        Dimmi dunque compagno Sole
        davvero non ti sembra
        che sia un po' da coglione
        regalare una giornata come questa
        ad un padrone?
        Jacques Prévert
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          Sono quella che sono

          Sono quella che sono
          Sono fatta così
          Se ho voglia di ridere
          Rido come una matta
          Amo colui che m'ama
          Non è colpa mia
          Se non e sempre quello
          Per cui faccio follie
          Sono quella che sono
          Sono fatta così
          Che volete ancora
          Che volete da me
          Son fatta per piacere
          Non c'è niente da fare
          Troppo alti i miei tacchi
          Troppo arcuate le reni
          Troppo sodi i miei seni
          Troppo truccati gli occhi
          E poi
          Che ve ne importa a voi
          Sono fatta così
          Chi mi vuole son qui
          Che cosa ve ne importa
          Del mio proprio passato
          Certo qualcuno ho amato
          E qualcuno ha amato me
          Come i giovani che s'amano
          Sanno semplicemente amare
          Amare amare...
          Che vale interrogarmi
          Sono qui per piacervi
          E niente può cambiarmi.
          Jacques Prévert
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Silvana Stremiz

            Canzone del carceriere

            Dove vai bel carceriere
            Con quella chiave macchiata di sangue
            Vado a liberare la mia amata
            Se sono ancora in tempo
            L'avevo chiusa dentro
            Teneramente crudelmente
            Nella cella del mio desiderio
            Nel più profondo del mio tormento
            Nelle menzogne dell'avvenire
            Nelle sciocchezze del giuramento
            Voglio liberarla
            Voglio che sia libera
            E anche di dimenticarmi
            E anche di lasciarmi
            E anche di tornare
            E di amarmi ancora
            O di amare un altro
            Se un giorno le va a genio
            E se resto solo
            E lei sarà andata via
            Io serberò soltanto
            Serberò tuttavia
            Nel cavo delle mani
            Fino alle ultime mie ore
            La dolcezza dei suoi seni plasmati dall'amore.
            Jacques Prévert
            Vota la poesia: Commenta