Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Gennaro Keller

Pensionato, nato martedì 31 ottobre 1944 a Salerno (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Gennaro Keller

Un sussurro, un sorriso, una preghiera

Forse,
quando le luci saranno spente
un sussurro, un sorriso, una preghiera
arriveranno alla tua anima
sbiadita, nebulosa immagine
del tuo io immortale.
Brivido intenso,
emozione, commozione
nel tuo cuore
circondato di seta blu.
È il Cielo
che avvolge i tuoi pensieri
crollando il buio
oltre il tuo sole.
Gennaro Keller
Composta giovedì 6 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gennaro Keller

    Ho voglia di...

    Ho voglia di vedere gli alberi impazzire
    di foglie rosse all'orizzonte.
    Ho voglia di tuffare la mia ombra nell'oceano,
    di vivere in un sogno ubriacandomi d'amore.
    Ho voglia di dipingere d'intenso la vita di ogni giorno,
    di camminare su prati di poesie respirando aria di umanità,
    di non vedere mai morire i sogni nelle notti senza stelle,
    di cantare al sole le speranze,
    di accarezzare le onde e navigare
    sino a sfiorare il viso di chi ho sempre amato.
    Gennaro Keller
    Composta giovedì 13 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gennaro Keller

      Non ho mai rubato

      Non ho mai rubato lacrime
      né stelle a questo cielo
      né onde a questo mare
      pur riponendovi sempre
      le mie speranze.
      Non ho mai rubato sogni
      né pensieri e poesie
      né tempo a questa vita
      e nemmeno mai ruberò
      la luce e il sole
      quando le ombre del crepuscolo
      penetreranno
      nelle mie vene.
      Gennaro Keller
      Composta giovedì 1 settembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gennaro Keller

        Tu che sei amore

        Non sei meteora
        né spazio vuoto
        né piuma al gioco dei venti.
        Non sei il tempo di una notte
        né bagliore dell'estate
        né fiamma che si spegne
        né suono che svanisce
        né nebbia che si dirada,
        tu che oscuri il paradiso
        e accendi le speranze,
        tu, poesia d'oriente e d'occidente,
        tu che giochi
        con la vita e con la morte
        tu, dolce riflesso
        dei miei pensieri
        ricchezza pura
        splendore atavico
        melodia che soffoca il respiro
        arte vivente
        opera di Dio
        seme della vita
        tu, che consacri l'esistenza
        illuminando le mie tenebre.
        Tu, luce d'Amore
        colore del mio buio
        felicità dei giorni tristi
        dolce illusione
        unica rosa
        tra le spine della vita
        tu che accogli i miei passi
        e le mie braccia
        la mia gioia
        il mio dolore
        sguardo d'Amore,
        tu, che sei Amore
        tu, unica
        mia Poesia!
        Gennaro Keller
        Composta mercoledì 7 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gennaro Keller

          Nell'ozio di un tramonto

          In una giornata storta
          al rombo di un motore
          un malinconico sorriso
          di una ragazza in fiore
          odore ardito
          nell'ozio di un tramonto.
          Sulla sua pelle ambrata
          il chiarore di un diamante.
          Le mani cercano il piacere
          penetrando il mistero
          che gioiosamente brami
          nelle stanze della notte
          sperando che il cuore viva
          come pellicano sull'onda
          di velluto mare.
          Pelle nuda al sole
          intimo tra la bocca taci
          e corpulenta assecondi
          le mie bianche vele.
          Gennaro Keller
          Composta lunedì 23 maggio 2011
          Vota la poesia: Commenta