Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rolla Gabriele

Emblemi d'Amore

Coppia
viva e felice
sotto un cielo
di stelle cosparso
e dalla luna pervaso

Un cielo
rischiarato
dal sentimento
sconfinato
che nei vostri cuor
divien l'ardor
d'una musica soave
composta
da dolci note d'amor

Ognun di voi
si fa dono
dell'animo proprio
affinché
il cuor
a cui attingete
essenza di vita
continui ad esister
così dolce e forte
da perdurar
causa dell'esistenza
di un'esser
diviso nella sostanza
ma indissolubile
e indivisibile
nel real astrale
in cui
elevati oltre
ogni volta celeste
abitate
l'un
nell'altro
avvolti
e aggrovigliati
senza legam
alcuno
liberi
perché
dissolti
amorevolmente
nel vostro
sé più profondo
d'uno spirito
di vita

a voi
emblemi d'amor
sinonimo di vera passion.
Gabriele Rolla
Composta lunedì 27 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rolla Gabriele

    Vivo!

    Solo e piccolo
    Di fronte al cielo
    Immenso
    Che del mio spirito
    Divien lo specchio
    Nel qual nitido intravedo
    Me stesso

    s'acquieta
    l'animo mio
    e gli occhi miei
    divengon fessura
    come a scrutar
    un luogo magico
    in cui
    non vi sono io
    ma nel qual
    consapevole son
    d'esistere

    Il viso rivolgo
    a quel falò
    che dal ciel
    riscalda
    le mani d'ogni esser
    sulla terra
    e nell'universo intero

    Inspiro
    Aria frizzante
    Che satura il mio corpo
    d'una gioia infinita
    Nel mentre il sol
    Infiamma
    Ciò che di me
    è la sostanza

    Lentamente
    Comincio ad udir
    Quel flebile ticchettio
    Che nei giorni trascorsi
    Ho trascurato
    Ed ora
    Con forza veemente
    Fa udir
    La sua dolce melodia

    Lo riconosco
    Sublime linguaggio
    d'un cuor in fermento
    Che d'infinito amor
    Vuol tinger ogni momento

    e mai come ora
    Consapevole di me
    m'accorgo
    d'un tratto
    d'essere vivo!
    Gabriele Rolla
    Composta domenica 19 luglio 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rolla Gabriele

      La Ragion d'una Poesia

      Mille
      Le idee che nella mente
      Cercan spazio
      Affinché
      Possan trasformarsi
      In versi
      Per trasmetter
      l'emozione
      Che l'animo di chi scrive
      Prova
      Nel comunicar
      Un sentimento
      Che
      Irruento
      Pervade il cuore
      Prima
      e l'anima poi
      e non s'arresta
      Finché
      Non vedrà la luce
      e
      seguendo
      d'un lampo l'esempio
      Illuminerà
      un tenebroso istante
      d'un cuore
      paziente in attesa
      d'un gesto gentile
      d'una parola amica
      che possa donar
      la ragion
      per scoprir
      quella forza
      che sita in noi
      scalpita
      per poter
      trasmutar
      in azione

      Versi
      Che diffondon
      Gioia
      a cuori felici
      Così da divenir
      Un'unica voce
      Che angelica
      Si leva al cielo
      Oltre le stelle
      per donar
      a chi tutto ha creato
      un affettuoso gesto
      d'infinita riconoscenza

      Versi
      Che silenziosi
      Vagano
      Sospinti dal mio cuor
      Affinché
      Sempre
      Comunichino
      Un po' d'amor
      Ad ogni esser
      Che gentilmente
      s'affaccerà
      Su questo
      Poetico mondo
      Col desiderio
      Che possa apparir
      Sittanto bello
      Da illuminar il viso
      Consegnando un sorriso
      Che perduri
      In eterno!
      Gabriele Rolla
      Composta giovedì 16 luglio 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rolla Gabriele

        Re dei Sogni Tuoi

        Non rinnegar quella via
        Su cui i tuoi passi conduci
        Or Saldi e fiduciosi
        Or tremanti e paurosi

        Potrà apparir meschina
        Se il tuo cuor
        Al pensier
        Cederà il posto
        Perché
        Difficil diverrà
        Individuar la stella
        Che ogni tuo istante guiderà

        Non abbandonar
        l'animo tuo allo sconforto
        Perché Nel tuo mondo Allor
        non vi sarà più posto

        La tua realtà
        è la
        Ove sta il tuo cuor
        Che con l'idioma d'amor
        Dipinge indelebili
        Sogni e desideri
        a cui anelerà
        e che in questa vita
        Realizzar vorrà
        Non donar
        a nessuno mai
        l'onor
        Di divenir
        Della tua felicità
        Sorgente
        Perché solo Tu
        Hai l'energia
        Per esser ragion
        Di quella magia
        Che tutto avvolge
        Con un sorriso
        Donato con gioia
        Per sempre al tuo viso

        Si entusiasta
        d'ogni momento
        Così d'esser
        In comunione d'intento
        Col divino
        Ch'è dentro di te
        e che
        per mano accompagna
        l'animo di chi
        Con coraggio
        l'amor suo incoraggia

        Costerà
        Fatica e sudore
        Successi e sconfitte
        Ma nessun mai
        Ripagar ti potrà
        Di quella visione
        a cui il tuo sguardo
        Presto assisterà
        Favola incantata
        d'una vita vissuta
        Ad ogni respiro
        Profondo o affannato
        Ma che mai
        è andato sprecato
        Perché questo
        è ciò che tu sei
        Re
        Dei sogni tuoi.
        Gabriele Rolla
        Composta domenica 5 luglio 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rolla Gabriele

          Oltre quel muro

          Giaccio
          Ammirando
          Silenzioso
          e spaventato
          l'immenso muro
          Che del flusso vitale
          è ostacolo
          Insormontabile

          Par impossibile
          Proseguir oltre
          Per giunger di la
          Ove son riposti
          Sogni e speranze
          d'un giovane uomo
          Desideroso
          d'esistere

          Schiavo
          d'un esistenza
          Temuta
          Mai voluta
          Ma or purtroppo
          Materializzata

          Attendo
          Agognato
          il proseguir
          del tempo
          speranzoso
          che sia
          con me benigno
          ma consapevole
          nel fondo del cuor
          che null'altro
          v'è di sbagliato
          se non il mio esser
          alla vita indisposto

          Non v'è disgiunzione
          Tra quel muro
          e la mia vocazione
          d'esser un uomo
          Vivo nel cuore
          Essenza d'amore

          Ci vuol coraggio
          Per esser saggio
          e partir
          In direzione
          d'un emozione
          Che nell'animo
          Zampilla
          e nell'esser
          s'impiglia
          Per paura
          o timore
          d'esser vivente

          Or però
          Son sicuro
          e convinto
          Che lentamente
          Ma celermente
          Mi avvierò
          a cuor aperto
          Verso il destino
          Desideroso
          Nell'animo
          e nel corpo
          Volenteroso
          Di scoprir
          Infiniti sogni
          Da sempre
          In me custoditi
          Giammai vissuti.
          Gabriele Rolla
          Composta martedì 30 giugno 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Rolla Gabriele

            Alchimia d'Amore

            Sterminati giorni
            Sempre uguali
            Ripetitivi
            Monotoni

            La notte divien giorno
            Soltanto in quanto
            Il buio divien luce

            e noi
            oggi come ieri
            impegnati come non mai
            nell'attender quei momenti
            che del giorno
            son solidi traguardi

            Trapelati
            Annaspiamo
            Nel mar della vita
            Cercando
            Di rimaner a galla
            Per semplice
            e puro
            Istinto di sopravvivenza

            Dei fatti
            e degli eventi
            Siam spettatori
            a volte pure attori
            Ma quasi mai protagonisti

            Come eroi
            d'immemori tempi
            Protetti da una corazza
            che nulla e nessuno
            potrà mai scalfire
            proteggiamo
            il nostro animo
            dai sentimenti
            che liberi
            veri e vivi
            fluttuano nell'aria
            emanati da chi
            il coraggio ancor ha
            di mostrar il suo cuore

            Viviamo,
            lo stretto necessario
            Amiamo
            Il minimo indispensabile
            Soffriamo
            Quel tanto che
            Basta a mostrar
            False lacrime
            Dovute e non sentite

            Umanità
            Autrice e creatrice
            d'opere
            Scolpite indelebili
            In ogni tempo
            Umanità
            Incapace di viver l'amore
            Pietra da cui ricavar
            Un viso dolce
            Della donna amata,
            tela
            su cui dipinger
            la più bella opera mai immaginata
            spartito,
            su cui comporre
            soavi melodie
            per l'uomo desiderato
            materia prima,
            per quell'artistico
            potenziale gesto
            che ogni esser d'umana specie
            in ogni tempo passato e presente
            abbia mai nemmeno immaginato.

            Coraggio,
            dimentica il tempo
            da lancette scandito
            e inizia a viver
            seguendo il ritmo
            da battiti dettato
            e dall'amor
            legittimato
            affinché
            ogni giorno
            non sia più lo stesso
            ogni istante
            divenga un autentico sogno
            magico
            speciale
            da viver con ogni energia
            da ogni cuor
            ovunque esso sia

            Alchimia
            è quel sentimento
            Che da ragion
            Ad ogni momento
            Per viver la vita
            Un fiato alla volta
            Ora e per sempre
            Felicemente!
            Gabriele Rolla
            Composta sabato 27 giugno 2009
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: Rolla Gabriele

              Apri gli occhi

              Apri gli occhi,
              ammira il sole,
              inebriati della sua luce,
              riempi il tuo sguardo del suo fascino,
              fai incetta nel tuo cuore del suo calore,
              ravviva la fiamma che è dentro di te,
              alimenta quel fuoco che è il tuo animo,
              donagli forza nuova,
              donagli coraggio
              di seguire i propri sogni
              non abbassar lo sguardo,
              non chiuder il tuo cuore
              non arrenderti alla vita
              abbi coraggio
              vivi!
              Gabriele Rolla
              Composta martedì 20 gennaio 2009
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: Rolla Gabriele

                A te amante dell'amore

                A te,
                amante dell'amore
                che vaghi
                in una terra
                che il tuo cuor ode straniera
                non scordar
                che è solo il tuo sentir
                che hai d'ascoltar

                Muovi i tuoi passi
                Condotti dal sentimento
                che da tempi immemori
                si dice mova il cielo e l'altre stelle

                Non temer
                i momenti
                In cui lotterai contro chi
                s'è rivelato amico
                d'infinite parole
                Ma d'amor finito

                Lasciali
                Dimenticali
                Cosi guardandoti attorno
                Non potrai che goder
                Dell'immensa favola
                che il viaggio a da offrir

                Non affannar il tuoi passi
                Per arrivar la
                Dove par che la via
                Segni una svolta all'orizzonte
                Perché
                Da che l'uomo ha scrutato il mar
                Mai l'orizzonte ha raggiunto

                La svolta non si trova lassù
                Bensì quaggiù
                Qui ed ora
                Nell'infinito presente
                Che il tuo esser
                Vive amando

                Non aspettar
                Il tempo
                Ma fa si
                Che sia il tempo
                a dover attendere
                Il tuo arrivo

                Si autrice
                Del presente
                e del futuro
                Artefice

                Godi di questo tempo
                Non rifuggir
                Ciò che il tuo animo ha da dir
                Perché tu lo devi seguir
                e solo allora il tuo cuor saprà gioir

                La realtà
                s'adegua a te
                e non attender
                Che si faccia
                l'opposto

                Sii la causa
                d'ogni tuo istante
                e godrai
                Le conseguenze
                Per l'eternità

                Non temer il dolore
                Perché intriso d'amore
                Imprimerà indelebile ogni ora nel tuo cuore
                Ma rifiuta la sofferenza
                Non fa parte dell'esistenza
                Vivi nella sua assenza
                e sarai felice della tua presenza

                Questo
                Ciò che il mio cuor
                Ha da dir
                Affinché
                i tuoi passi
                Divengan soavi
                e il tuo animo
                Lasci cader a terra
                Quei timori
                Che attanaglian
                il tuo sentir
                e fa
                Ciò che un santo
                Disse esser l'unico comandamento
                "Ama, e fa ciò che vuoi!"
                Gabriele Rolla
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: Rolla Gabriele

                  Premonitor d'Utopia

                  Follia
                  Repressa
                  Da un senso comune
                  Di razional virtù

                  Impossibil però
                  Limitar la vita
                  Ad un banal
                  flusso dell'essere
                  Costante
                  Coerente
                  Imperturbabile
                  Ai sentimenti
                  Che son per l'esistenza
                  Ciò che era dei venti la rosa
                  Che da sempre guidò
                  Lungo i mari
                  Or calmi
                  e or in tempesta
                  Impavidi marinai
                  Che nell'ingenuità
                  Di uomini semplici
                  Avevan conosciuto
                  e stretto
                  La mano
                  Di chi
                  Tutto governa

                  Quel divino
                  Che del mondo
                  è il fattor
                  d'ogni cosa l'autor

                  Ammaina la vela
                  Quando forte
                  Soffia un vento intriso d'amor
                  Soffermati nel cuor
                  Di chi
                  è donator di tal sentimento
                  Vivilo
                  Amalo
                  e quando sarà il momento
                  Non rifiutar di affrontar
                  Di nuovo quel mar
                  Che t'ha condotto alla vita
                  Che t'ha donato la vita

                  Potrai esser dolce
                  In compagnia
                  o solo
                  Come figlio del Dio nessuno
                  Ma non arrenderti
                  Perché l'irrazional
                  è matematico calcolator
                  d'ogni tuo gesto
                  Compilo col cuor
                  e nulla impedirà
                  Al tuo animo
                  Di raggiunger ciò a cui anelerà

                  Utopia
                  è impossibile
                  Per chi
                  Arreso
                  Inetto
                  Rifiuta
                  d'esser voluttuoso sentimento
                  Ma divien un sogno
                  Premonitor
                  Per chi ha il coraggio
                  Di divenir attor
                  in quel viaggio
                  in cui la metà
                  sol con la morte sarà raggiunta
                  perché nulla v'è di più ricco
                  se non ogni istante
                  trascorso
                  con occhi spalancati
                  animo desto
                  e cuore vivido
                  in quell'istante infinito
                  chiamato presente.
                  Gabriele Rolla
                  Vota la poesia: Commenta
                    Scritta da: Rolla Gabriele

                    Grazie a te, per te!

                    Ad ogni istante
                    Sovvien alla mente
                    L'immagine di te
                    Candido viso
                    Ingentilito dal dolce sorriso
                    Che delicato sboccia
                    Al sorger del sole
                    E felice accompagna
                    Del mio giorno
                    I miei gesti
                    I miei pensieri
                    I miei sogni

                    Ormai sei parte di me
                    Separata e distinta
                    Nell'unione
                    D'animi invisibili

                    Gioisce il mio cuor
                    Felice d'aver incontrato
                    Un angelo
                    Da cui in dono
                    Ha ricevuto
                    Un paio d'ali
                    Che da oggi
                    E per l'eternità
                    Lo far librare
                    Sospinto dal vento
                    Del sentimento
                    Alto
                    Nel cielo nella vita

                    Piangono
                    I miei occhi
                    Lacrime
                    Intrise d'amore
                    Perché troppo grande
                    È il sentimento
                    Che pervade il mio essere
                    Per limitarlo
                    In un corpo solo

                    Forse
                    Ancora manca
                    L'ardir
                    Per dir ciò che sento
                    E forse
                    Mai sarò così coraggioso
                    Per dar modo al mio cuor
                    Di parlar al tuo

                    Ma ciò
                    Non m'impedisce
                    D'amarti
                    Con tutto il mio cuore
                    Con tutto me stesso

                    Perché batte il mio cuore
                    Ad ogni istante
                    Sussurrando il tuo nome
                    Componendo cosi
                    La più divina melodia
                    Che l'orchestra
                    Dei miei sentimento
                    Abbia mai composto
                    E suonato in me
                    E tutto questo
                    Grazie a te,
                    E solo e per sempre
                    Per Te!
                    Gabriele Rolla
                    Vota la poesia: Commenta