Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Gabriele Paccamiccio

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: Gerry

Il ritorno alla luce

Al ritornare alla luce
il silenzio ci opprime
di persi pensieri
su delle pagine bianche
e vuote d'amore
ed una perversa anima.
Ritorno alla luce
e alla solitudine ritrovata
dei tuoi falsi sospiri.
Il ritornare alla luce
della mia mente ottusa
e ritrovare me stesso.
Gabriele Paccamiccio
Composta venerdì 1 settembre 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerry

    Tutti la vogliono...

    L'intelligenza non è giudicare gli altri prima di giudicare se stessi.
    L'intelligenza è avere il coraggio di essere giudicati,
    prima di giudicare.
    L'intelligenza è riconoscere i propri errori e difetti.
    L'intelligenza è saper trovare le travi che si trovano nei propri occhi prima di trovare le pagliuzze negli occhi altrui.
    L'intelligenza è pensare che gli altri lo siano, prima di pensare a se stessi.
    L'intelligenza non è schiacciare chi ti sorride, ma tendere una mano a chi non ti sorride.
    L'intelligenza è quella cosa che tutti pensiamo di avere o vorremmo avere, ma che in fondo è tanto astratta che nessuno ha la forza di tenersela per se.
    L'intelligenza... tutti la vogliono...
    tutti pensano di averla!
    ma in quanti la possiedono... l'intelligenza?
    Gabriele Paccamiccio
    Composta lunedì 6 novembre 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerry

      Solo a te

      A te
      che sei riuscito a commutare le tue lacrime in dolci sorrisi, i dispiaceri in allegria, la tristezza in gioia, la sofferenza in pace.

      A te
      che ora dormi accanto agli Angeli disteso sopra un letto di nuvole bianche, con il capo appoggiato su di una piccola stella, finalmente ti ringrazio e ti dedico il sorriso più bello della giornata!

      Grazie per l'altruismo che mi hai regalato,
      grazie per l'educazione che mi hai insegnato,
      grazie per le coccole che sei riuscito a donarmi nei momenti più tristi,
      grazie per l'amore che sei riuscito a dare.

      Tieni accesa la tua stella, tieni pronta la tua culla, cerca di aprire le tue braccia per stringermi accanto a Te, coccolandomi come sempre.

      Sii pronto a riscaldare il mio cuore e donarmi il tuo amore come sempre fatto nel momento che saremo pronti a tornare insieme.
      Grazie Babbo...
      Gabriele Paccamiccio
      Composta martedì 12 dicembre 2006
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerry

        Il dolore non è mai solo dolore...

        Non dovresti conoscere la disperazione
        se le stelle scintillano ogni notte;
        se la rugiada scende silenziosa a sera
        e il sole indora il mattino.

        Piangono, tu piangi, così deve essere;
        il vento sospira dei tuoi sospiri,
        dall'inverno cadono lacrime di neve
        là dove giacciono le foglie d'autunno;

        presto rinascono, e il tuo destino
        dal loro non può separarsi:
        continua il tuo viaggio, se non con gioia,
        mai con disperazione.
        Gabriele Paccamiccio
        Composta venerdì 1 dicembre 2006
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Gerry

          Chi...

          Chi nasce prima, chi nasce dopo,
          chi nasce ricco, chi nasce povero,
          chi nasce bello, chi nasce brutto
          chi insegue un sogno,
          chi insegue la bellezza e non sa cosa sia,
          chi insegue la felicità e non sa dove trovarla,
          chi cerca di amare, ma non sa amare,
          chi cerca amici ma non li ha,
          chi pensa di essere, invece non lo è
          chi... chi... non pensare di essere, ma sii te stesso
          cerca di amare chi ti vive accanto,
          perché quando il chi morirà,
          allora!
          Gabriele Paccamiccio
          Composta mercoledì 28 dicembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: Gerry

            Ogni giorno

            Un alito bianco di vento mi avvolge
            il mio pensiero corre sempre a te
            alzo lo sguardo in alto
            e vedo tra le nuvole un raggio di sole
            proprio verso di me.
            Sento un calore
            che mi rievoca alla mente quello degli abbracci
            ogni giorno ti penso sempre di più
            di quando eri bambina
            sei stata e sarai sempre il mio grande amore.
            Gabriele Paccamiccio
            Composta martedì 9 dicembre 2008
            Vota la poesia: Commenta