Scritta da: Flavio Rapetti

A Lorenzo

Amore mio
luce della mia anima
non ti ho portato in grembo
eppur mi sono fatto mamma
per te
che sei come sei
ma sei parte di me

i tuoi occhi seri sprizzano gioia e serenità
e non merito mio
ma fulgida espressione
di chissà quale magica emozione
che crea e distrugge
anime e cuori

Un giorno
che io più non sarò e tu bisogno avrai
un attimo basterà
chiudi gli occhi...
io sarò là

Piegherò i confini del tempo
i confini dello spazio si inchineranno al mio amore
ed esso ti raggiungerà
ovunque tu sarai
ancora... e per sempre.
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di