Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: F. Tornabene

Tutto qua...

La vita, se la vivi,
è un insieme di emozioni fantastiche,
posti stupendi, esperienze estreme,
viaggi, persone meravigliose, gioie e dolori. Ma ce né una, un'emozione,
che fa sembrare tutto il resto una partita a carte,
un'emozione che non passa, non finisce, non si dimentica,
ti cambia,
perché quello che viene dopo, scivola via,
non ti resta dentro,
o forse nemmeno ci arriva dentro,
perché non cè più spazio,
sei pieno di questa sensazione che ti completa,
che non si spegne mai,
e quando pensi di averla dimenticata,
basta un sorriso, per dimostrarti che è ancora li, più viva che mai.
Ma come ogni cosa bella, quando non c'è più, ti lascia un vuoto,
grande quanto la felicità vissuta,
o forse più.
Ti lascia con l'amaro in bocca,
perché sai quanto puoi essere felice,
ma non lo sei e come uomo,
è l'unica cosa su cui non puoi farci nulla,
se non essere te stesso e aspettare...
È l'emozione che provi quando ti prende per mano e dice "papà"...
Fabio Tornabene
Composta mercoledì 20 giugno 2018
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: F. Tornabene

    Incontri

    "Smettila... o resti a casa..."
    sento dire...
    per risvegliare i ricordi,
    a volte basta poco,
    sorriso e mi volto sicuro,
    aspettandomi un bimbo con un broncio,
    che non sa durare più di qualche istante...
    piegata dal tempo,
    vedo una bambina
    che ha vissuto più d'una vita
    come raccontano i suoi capelli,
    brontola a voce bassa,
    di più non riesce a fare,
    mentre si appoggia sul bastone.
    Ma dal basso e senza forze
    ancora riesce ad amare.
    Fabio Tornabene
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: F. Tornabene

      Solo un brutto sogno

      È solo un brutto sogno
      me lo ripeto in continuazione
      prima o poi mi sveglio
      e sarà primavera
      sara tutto giusto
      un colpo di spugna
      e via tutti gli errori
      come a togliere le briciole dal tavolo dopo la colazione
      ma poi
      ancora una volta
      la sveglia suona
      e quelle briciole sono tutto ciò che mi rimane
      gli errori
      le paure
      il vuoto
      mi guardo allo specchio
      e cerco di sorridere
      cosi da convincermi
      che le lacrime sul mio viso
      siano parte del passato...
      Fabio Tornabene
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: F. Tornabene

        Come scatole

        Rimbalzo tra scatole vuote
        Di cui non ricordo il nome
        Mi perdo nel loro sembrare
        Mi stanco del loro dire
        E ancora rimbalzo
        Mi bagno
        Quando nessuno mi vede
        Scappo se nessuno mi tiene
        Scatole vuote fatte di buoni propositi
        Imbottite di rancore
        Mascherato da paura
        Scatole da cui si può solo uscire
        Allora sorrido
        Ringrazio e dico addio.
        Fabio Tornabene
        Composta martedì 12 febbraio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: F. Tornabene

          I figli

          I figli non si scelgono
          Non sono giusti o sbagliati
          Non si può scegliere se o quanto amarli
          Sono una parte di noi
          Come se si potesse scegliere
          di amare la propria mano
          o di non volere un dito del piede
          sono ciò che non siamo stati
          ciò che potevamo essere
          normali o "diversi"
          hanno solo bisogno d'amore
          non chiedetevi se è giusto come sono
          loro vi accettano senza chiederselo.
          Fabio Tornabene
          Composta sabato 29 settembre 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Scritta da: F. Tornabene

            Le parole non bastano

            A volte non bastano le parole
            Nemmeno le emozioni
            Cè qualcosa
            La senti dentro
            Sembra scoppiare
            E invece
            Fa sempre più male
            Vorresti spaccare tutto
            Urlare fino a perdere la voce
            Convinto che ci sia un modo
            Per far smettere il dolore
            Se sopravvivi
            Se non dimentichi
            Poi col tempo ti rendi conto
            Che le urla
            sono diventati silenzi
            i pugni sorrisi
            E il male
            Solo un ricordo.
            Fabio Tornabene
            Composta mercoledì 5 settembre 2012
            Vota la poesia: Commenta
              Scritta da: F. Tornabene

              Sì, lo voglio

              Papà non piangere
              sento dire dall'altare
              ti saluto non ti lascio
              non ti devi preoccupare,
              sono anni che mi insegni
              ora lasciami sbagliare
              lui è forte
              mi vuole bene
              non è bello come te
              ma mi posso accontentare,
              è difficile da dire
              ma tutto spesso si riduce
              a poche semplici parole,
              tieni duro non mallare
              costruisci lentamente
              la tua strada x l'amore
              e se ti capita di inciampare
              non importa
              nessuno è perfetto
              ma tu rialzati e prova a volare.
              Fabio Tornabene
              Composta sabato 1 settembre 2012
              Vota la poesia: Commenta
                Scritta da: F. Tornabene

                Ancora...

                La vita è un insieme di cose e la felicità è fatta di tutto e se manca qualcosa puoi solo stare bene ma non essere felice... a me manchi tu... mi manca qualcuno che mi dica che ho sbagliato standomi vicino... mi serve qualcuno con cui non sentirmi in debito o in difetto, mi serve un sorriso x imparare a sorridere.
                Fabio Tornabene
                Composta giovedì 22 marzo 2012
                Vota la poesia: Commenta
                  Scritta da: F. Tornabene

                  Una madre

                  Ho visto una madre
                  Mi ha insegnato a sorridere,
                  Parlava un dialetto strano
                  Difficile da capire
                  Sembrava arrabbiata
                  Mentre con le mani raccontava una storia.
                  Non riuscivo a capire
                  Cosa ci fosse da ridere.
                  La gioia di un'amica,
                  Occhi soddisfatti...
                  Quasi offesa mi chiede: "hai capito...?"
                  Col mio senso di colpa
                  A fior di pelle
                  Rispondo ingenuamente "no"
                  Ma una madre sa sempre come fare
                  E senza nemmeno riprender fiato:
                  "guardami negli occhi e ascolta con il cuore..."
                  Il resto è solo una storia
                  Ma ora mi fa sorridere...
                  Fabio Tornabene
                  Composta venerdì 10 febbraio 2012
                  Vota la poesia: Commenta