Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Fabio Marinaro

Vivere, nato lunedì 28 gennaio 1985 a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Fabio Marinaro

Maledetto

Così mi sentivo per non aver detto quando c'era da dire.
Quando c'era da fare e non ho fatto.
Quella volta di quella frase geniale non appuntata.
Quell'amore che non riuscivo a lasciare andare.
Ero lì con loro ma mi sentivo solo.
E quella volta che ero solo
e mi sentivo in compagnia.
Era la mia vita maledetta
che alternava sprazzi di poesia e assoluta apatia.
Era quel che non è, eppure sarà sempre cosa mia.
Fabio Marinaro
Composta mercoledì 23 novembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fabio Marinaro

    Infinito profondo

    La vita ti comprende,
    tu ne fai parte come al giorno segue la notte.
    Tutti ti temono tranne gli eroi, eppure anche loro segretamente ti sanno.
    Tu rendi tutti uguali, perché su di te nessuno può sentenziare.
    Sei potente più di mille battaglie, più di mille sogni o mille milioni di parole.
    Sei il buio per chi non ti comprende,
    la luce per chi ti ha visto arrivare.
    Quando arrivi non ci è dato sapere, forse è questo il tuo grande potere.
    Mi strazi l'anima nel ricordo,
    ma come un pazzo provo un bene profondo.
    Un giorno anche me verrai a trovare e per quel giorno qualcuno dovrà imparare
    che il tuo passaggio è cosa naturale.
    Fabio Marinaro
    Composta martedì 25 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fabio Marinaro

      Troppe lacrime in un solo giorno

      Troppe lacrime in sole ventiquattro ore,
      troppe sofferenze per chi non muore,
      troppe consapevolezze in una sola anima.
      La vita passa con o senza te,
      con o senza me.
      Il ricordo mi dà forza,
      il ricordo mi toglie il respiro.
      L'Amore mi aiuta fortunatamente.
      L'Amore mi uccide maledettamente.
      Riconosco il tuo sguardo nello specchio della mia anima; sento il calore
      che mi scalda il petto, lo stomaco si stringe.
      Tutto sembra tacere, eppure le urla silenziose del tuo Amore non cessano di esistere.
      Ieri come oggi sento la tua mancanza,
      ma nel mio cuore, tra noi, non c'è distanza.
      Fabio Marinaro
      Composta giovedì 20 novembre 2014
      Vota la poesia: Commenta