Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Kicco

Quella panchina

Dopo una lunga passeggiata, mano nella mano,
un momento di riposo,
su quella panchina i nostri sogni si sono tramutati in realtà,
abbiamo contemplato lo spettacolo delle onde del mare,
osservato l'ultimo raggio di sole nascondersi dietro l'orizzonte,
forti emozioni hanno stravolto il presente
e lasciato alle spalle il passato,
su quella panchina i nostri progetti hanno fatto
il giro del mondo insieme.
Ammirare la natura seduti ha un sapore di antico,
profonda quiete, immensi silenzi,
malinconia e nostalgia si amalgamano tra di loro,
ho capito cha la vita va vissuta inseguendo le proprie passioni,
senza smettere di sognare un mondo migliore.
Su quella panchina la gente parla, scrive, osserva la natura,
senza essere vista.
Il tempo passa, rimangono i ricordi più belli a tenerci compagnia,
quelli di quando seduti sulla verde panchina terminavamo
i nostri discorsi con un bacio.
Enrico Hasson
Composta domenica 13 luglio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Kicco

    Mamma

    Il mese di maggio è arrivato,
    la primavera ha stentato a farsi largo tra le nuvole dell'inverno, dopo tanta pioggia, freddo e vento,
    il sole è riuscito a far capolino,
    per annunciare l'avvicinarsi del giorno della festa
    di tutte le mamme.
    Grazie mamma per le tue carezze gentili,
    per i tuoi sorrisi e per i baci della buona notte,
    le tue parole, i tuoi gesti,
    hanno incoraggiato i miei primi passi nel labirinto della vita, hai asciugato le lacrime e corretto i miei errori,
    insegnandomi con saggezza e con amore la direzione da intraprendere per il percorso della mia esistenza.
    Mamma ti meriti il meglio,
    una festa meravigliosa tutta per te con le persone più care, che l'allegria, la felicità e la gioia di vivere,
    ti possano tenere compagnia,
    per il resto della tuo lungo cammino insieme a noi.
    Mamma tu sei come il sole che riscalda il mio cuore,
    mamma tu sei come un fiore che profuma d'amore.
    Auguri.
    Enrico Hasson
    Composta sabato 10 maggio 2014
    Vota la poesia: Commenta