Scritta da: Carlo Spada

Libertà

Tra le gabbie del dovere
il tarlo succhia voluttuoso
l'anima dispersa,
dondola l'idea di fuggire
tra le pieghe del volere
spossato dal lungo, sordo
pungolo
ormai insostenibile
nell'immemore ricordo,
brivido accarezza
il verbo che fu
ed ora soggiace
nelle tenebre visibili
che la oscurano.
Carlo Spada
Composta mercoledì 24 gennaio 2001
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carlo Spada

    Non farmi aspettare

    Rincorro le tue parole lontano dalla tua presenza
    Scivola lentamente l'immagine dei tuoi occhi bruni
    Rimbomba il mio cuore

    non farmi aspettare

    Visioni notturne impalpabili di te
    Squarci di luce nel buio
    Lanterna di eterna passione

    non farmi aspettare

    Sospesa su un silente gregge
    Brillante avvolgi il buio
    Musica conducimi a lei

    non farmi aspettare.
    Carlo Spada
    Composta martedì 30 giugno 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di