Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Barbara Frau

Nato venerdì 13 novembre 1992 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Sogno

Racchiuso lo serbo,
taciuto per tempo,
condividerlo non voglio,
se non ciò che è di lui lecito ridir.
Sogno il suo nome,
visione il suo aspetto,
desiderio è sua essenza
potenziale è suo esister.
Sfiorarlo non posso,
sentirlo io voglio,
realizzarlo io spero
ma di viverlo bramo.
Barbara Frau
Composta lunedì 21 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta

    Desiderio

    Vista notturna mi cattura,
    al dolce pensiero di una quiete.
    Sospiro tuo mi affligge,
    straziante richiamo tra due stelle,
    pianeti lontani e divisi,
    attendon il moto desiderato.
    In alto la luce mi trasporta
    per rivoli aerei infiniti,
    ove il desiderio di un futuro
    si dischiude tra lacrime e polvere
    di una cedente scia di stella
    in quel profondo di cielo,
    attimo notturno di un sogno.
    Barbara Frau
    Composta lunedì 21 marzo 2016
    Vota la poesia: Commenta

      Dispero

      La pioggia dal ciel lieto
      tra rai che infilzano le nubi
      carezza il foglio
      del nome di colui
      che ha con la corda spezzato
      il fil sottil dell'esistenza,
      occidendo quel del futur
      che in procinto d'esser era.
      Tendo l'animo mio
      alle sensazioni lontane,
      acute urla percepisce
      fra quelle pareti di pianto.
      Tuona maestoso il passato nei ricordi,
      nel presente solo un vespro
      lacerato dal dispero.
      Or sol giace il dispero dè figli e parenti
      Or sol l'immago del vecchio tempo
      reggon nel cor dolente
      Cala la comare della morte.
      Cala la quiete rotta dai lamenti.
      Cala in un perenne urlo straziante.
      Barbara Frau
      Vota la poesia: Commenta

        Specchio dell'acqua

        Dall'orizzonte profondo e fosco
        si levan le nubi del colore del buio.
        Tacito riposa possente monte,
        lieve oscilla acqua del lago.

        Così fermi, così dolci,
        amati cigni state là.
        Pace taciturna vieni
        e non te ne andar.

        Leggiera pioggia,
        cadi nell'acqua,
        dolcemente,
        ma ora non lasciare traccia di te.

        Ghiaccio del monte,
        non scioglierti ora,
        dura per sempre.
        Barbara Frau
        Vota la poesia: Commenta