La verità è che la vita mi ha portato a non credere più nella parola dell'uomo. Quante volte mi è stato detto ti amo e non mi è rimasto nemmeno il ricordo del suono di quella voce che le ha pronunciate. Invece vuoi sapere cosa mi è rimasto, il ricordo degli attimi vissuti, le risate, le emozioni, si anche il sesso. Le cose tangibili, reali, la vita vissuta, queste sono le cose che mi sono rimaste dentro come non mai. Purtroppo quelle belle e quelle brutte.
Pablitos Los Sconditos
Vota il post: Commenta
    C'è stata una notte, lo ricordo che ho dormito veramente protetto dai miei angeli neri. Forse una delle prime notti insieme, abbracciati sentivo qualcosa, un odore o altro, mi risvegliai riposato, quasi rinato come se prima di allora non avessi fatto niente altro di più che chiudere gli occhi ma non il cuore. Forse ho sentito il tuo amore attraverso la mia pelle, forse mi è entrato dentro circondando il mio animo, isolandolo dal resto dei pensieri.
    Forse è quello che non sento più, per questo sono tornato a chiudere gli occhi. Per la prima volta quella notte forse mi sono sentito amare, e mi manca un casino.
    Pablitos Los Sconditos
    Vota il post: Commenta
      Mi chiedevo quale fosse il senso dell'amare. Immagino, che se lo siano chiesto in tanti.
      Sto iniziando a chiedermi se il senso dell'amore sia un parallelo al senso della vita o se invece siano due rette leggermente inclinate, destinate o ad allontanarsi per sempre o a scontrarsi.
      Che ci sia bisogno di entrambi i sensi, come un perfetto equilibrio tra due pesi?.
      o forse è sufficiente scegliere una retta ed abbandonarsi ad essa. Chissà dove è la soluzione.
      Pablitos Los Sconditos
      Vota il post: Commenta
        Sono di nuovo stanco di sentirmi in colpa.
        Per cio che non riesco ad essere come tu vuoi che io sia.
        Perfettamente inquadrato nei tuoi angoli, imposti da un mondo che è rotondo e che non smette mai di girare. Non serve che io lo percepisca, ci sei già te che lo urli.
        Spigoli che mi pungono ogni volta che perdo per un attimo l'equilibrio.
        Difficile da mantenere al buio e tra gli schiamazzi.
        Senza una corda di sicurezza la paura di sbagliare mi stritola rendendomi ancor più instabile.
        E io che non sono nato equilibrista, invece da bambino giocavo con le Lego ascoltando la musica.
        Cado, mi rompo e mi ricompongo finché posso, da solo, perché tanto il mondo non aspetta, e nemmeno tu che sei in quel cerchio pieno di regole, mi aspetti.
        Di tutto cio cosa mi faccia più male, ancora non l'ho capito tante sono le volte che sono caduto. O forse sono ancora dentro una caduta senza fine in attesa dello schianto.
        Pablitos Los Sconditos
        Vota il post: Commenta
          Non mi riconosco
          o non mi ricordo chi sono
          Forse non l'ho mai saputo
          Chissà se ho capito o no
          Cosa volevo essere
          Chi ambisco
          Non ricordo più perché
          c'è nebbia e non vedo più
          l'inizio di questa cosa chiamata vita
          Non vedo più la fine
          Sono spariti tutti attorno
          Era pieno dove sono
          Solo mi sento rimasto
          Tutto è inverno attorno.
          Pablitos Los Sconditos
          Vota il post: Commenta