Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Marika Bafaro
Ti cantavo la ninna nanna, sottovoce per non farmi sentire dalla tua mamma e il tuo papà, tu mi sorridevi e piano piano ti addormentavi tra le mie braccia. Ti stringevo forte a me e mentre sentivo il tuo respiro farsi regolare, pensavo a quanto bello fosse avere qualcuno che ti amasse per come sei e che bastasse un suo sorriso per placare tutte le più turbolente tempeste.
Marika Bafaro
Vota il post: Commenta