Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Cenerino
Oggi, in questo giorno distorto, riaffiora il barlume di un lontano rimembro d'anima, stanca, ferita ormai, arresa. Sei lì nel profondo, bambino interiore che piange stanco d'esser rinchiuso; sono pesanti le catene che addosso ti hanno gettato, persone amorevoli al dire ma, spietate in agir a ferirti. Io loro ho concesso tale lapidazione, per cuor mio di far carico in me dei loro fardelli, perdonami piccolo mio. Scusami se di te non son riuscito ad essere scudo; il bisogno mio di sentirmi integrato, la sensibilità tua estranea in questa terra dove sono cresciuto, come ogni fanciullo anch'io chiedevo semplicemente d'esser amato. Oggi riecheggi e quarant'anni sono passati, il tuo silenzio è stato per me il dolore più profondo, ora son padre e nel giocar coi miei figli rivoglio sentir la tua voce. Oggi, in questo sabato afoso, voglio sentirti tornare anima mia; vieni dolce bambino, riscopriamo il senso di questa nostra vita attraverso la magia del gioco d'infanzia. Oggi io parlo a me stesso e mi dico ti amo. Oggi a te anima dolce chiedo grazie per non aver mai quest'uomo abbandonato.
Emanuele Nodari
Composto sabato 27 giugno 2020
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Cenerino
    Oggi, nella notte di San Pietro mi accingo a far dell'uovo il mio veliero. Non più tu sei al mio fianco per gioir in alba del responso. T'amo ancor ma di un maledetto rimpianto che non vuol svanire. Or dunque preparo, il cristallino vaso, quella brocca che un giorno fu, di promesse riempita, al nostro amor consacrata. Infranto ormai è quel sigillo di propositi a noi dedicati che, stanotte, io lascio al passato. Ora io prego, a San Pietro, che il soffio di questa rugiada al mattino dispieghi le vele verso un ignoto risalir a viver d'amor senza te. Qui stanotte ti chiedo: Sia per me uno splendido anno in gioia prospera e serena, anche di lei rammenta questa preghiera, riporta ad entrambi la spensieratezza d'un tempo. In fondo la vita va avanti ed il mondo, di gioir a bisogno mio carissimo Santo.
    Emanuele Nodari
    Composto domenica 28 giugno 2020
    Vota il post: Commenta