Questo sito contribuisce alla audience di

Post di Carmelo Trianni

Polizia di Stato, nato a Gallipoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: CARMELO TRIANNI
Facebook: ritaglio di vita virtuale? No, semplicemente social-multimediale. Facebook, come tutti gli altri social, è scelta. Non ci sono obblighi o contratti se non quello che si "sottoscrive" all'atto della creazione del profilo, accettando le regole che l'amministrazione fb impone; considerando il principio fondamentale accennato prima, la scelta, se le regole non rientrano nei nostri canoni possiamo benissimo non accettarle e provare un altro social, oppure farne proprio a meno. Premetto che ognuno è libero di esprimere il proprio pensiero (la scelta!) Pubblicando links, immagini, video oppure rispondendo con commenti a links, immagini o video già pubblicati (rispettando il buon senso e la netiquette oramai vigente fra social, community, forum blogs: non offendere, non minacciare, non esprimersi in modo volgare, osceno ecc...). Detto questo, penso che il problema, come in tanti altri campi, sia il senso della misura e la coscienza della tecnologia che abbiamo fra le mani. In tanti non comprendono che i social sono dei piccoli-grandi mezzi di comunicazione, con tutti i pro e i contro che possiamo cogliere o a cui possiamo incappare... ma non c'è obbligo di frequenza o altri doveri-impegni a rispondere, assicurare like ecc... a volte leggo: "mancherò due settimane..." "scusatemi se non ho risposto al commento..." "non ho risposto subito al tuo tag perché ero impegnato a lavoro..." "perché non metti mai un" mi piace "ai miei post?..." "oggi faccio pulizia fra gli amici..." ecc. Ecco, per me, qui s'è perso il senso della misura perché per circostanze simili non bisogna dare spiegazioni o giustificazioni! Per quanto mi riguarda, quando ho tempo sfoglio le pagine della mia "home di facebook" come se fosse una rivista, con la straordinaria possibilità di interagire con tante bellissime persone che, come me, fanno la stessa cosa. A volte "sfoglio la rivista" su pagine di arte di poesia, o altri interessi personali che ho memorizzato a parte, leggo comprendo e imparo tante cose, zigzagando fra links, post e commenti inutili o sgradevoli. Ma se per oggi, per una settimana o per un mese, non mi va di aprire la mia rivista facebook, per una serie di motivi (vacanza, lavoro, motivi di salute o semplicemente perché non mi va) non devo dare alcuna giustificazione! Nessuna giustificazione se non rispondo a un commento in un tag o se non metto "mi piace" a un link o una pagina di un amico, né tantomeno mi preoccupo se qualcuno fa pulizia nel suo gruppo di amici: se ho toccato la tua sensibilità, se condividiamo gli stessi interessi interessi, se ti fa piacere avermi nel tuo gruppo di contatti ok, farà piacere anche a me, altrimenti cancellami senza dire nulla, inutile scrivere l'intenzione di fare pulizia che suona quasi come minaccia che comunque neanche considero. Un altro problema molto frequente fra gli utenti di fb, ma anche di altri social, è la difficoltà per alcune persone a comprendere la differenza fra realtà e realtà virtuale, anche perché subentra il concetto di multimedialità che in tanti ignorano. Ad esempio, chi mai potrebbe considerare una conversazione telefonica "realtà virtuale"? Oppure lo scambio di sms? Con facebook cambia il mezzo di comunicazione ma il principio è sempre lo stesso; allora perché molte persone considerano il social come una sorta di realtà virtuale? È la multimedialità che contribuisce a fare confusione. Comunicazione tramite un flusso di file audio (un po' come la comunicazione telefonica); comunicazione tramite un flusso di dati testuali (gli sms); comunicazione tramite lo scambio di foto, immagini o video: mettiamo insieme tutti questi elementi in un'unica piattaforma (o software o social) ed ecco che si concretizza l'utilizzo della multimedialità. Questa ha poco da spartire con la realtà virtuale nel senso che la multimedialità fa, o può far, parte di essa ma in un contesto più ampio e complicato. Passare una settimana intera, oppure un mese, pubblicando su fb links, pensieri, immagini, video oppure partecipando a discussioni con scambio di commenti, opinioni, consigli ecc... non vuol dire rifugiarsi nel mondo virtuale. Siamo rimasti sempre nella realtà, impegnando il proprio tempo, che è sempre reale, per compiere determinate azioni che, in un modo o nell'altro, possano appagare quella voglia di condivisione di pensiero di passioni e di conoscenza. Quindi facebook è un complicato, quanto straordinario, mezzo di comunicazione che, oltre a raggruppare gli elementi della multimedialità, al contrario del telefono e degli sms, riesce a "condividere" il nostro pensiero (esposto in modo multimediale) anche a migliaia ed oltre di persone. Trasformare questa opportunità (esclusiva per i giorni nostri) in qualcosa di utile, positivo o negativo, sempre mantenendo il senso della misura. Ho 46 anni, pratico informatica da 32 e internet da 20... per me non esiste il mondo, proprio, virtuale ma solo il reale con tante piccole possibilità di svago, di fare conoscenze-amicizie, di conoscere, informarsi, comprendere, imparare, esporre il proprio pensiero e tanto altro, mantenendo sempre il mio, e spero anche di tanti altri, principio fondamentale: la scelta. Scegliere di fare "clic" per chiudere la rivista e riporla sul tavolino.
Carmelo Trianni
Composto sabato 26 agosto 2017
Vota il post: Commenta