Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Simo11
Non capisco perché nel linguaggio dei politici e dei governanti con "grandi opere pubbliche" si intenda solo ed esclusivamente la costruzione di ponti, gallerie, autostrade. Che spesso e volentieri, sia detto tra parentesi, si rivelano essere né impellenti né necessarie, ma sicura fonte d'illeciti guadagni. Mi chiedo: mettere mano a Pompei, che se ne cade letteralmente a pezzi, non sarebbe una grande opera pubblica? E non lo sarebbe anche una vera riforma universitaria che adeguasse i nostri atenei alle richieste di lavoro del mondo d'oggi, dotandoli di attrezzati laboratori di ricerca? E come definire altrimenti la ristrutturazione e l'attenta manutenzione dei nostri archivi storici che sempre più s'approssimano allo sfacelo?
dal libro "Segnali di fumo" di Andrea Camilleri
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Simo11
    In gioventù percepisci il tempo come un'entità astratta, nella maturità acquisti la nozione di un tempo in qualche modo collegato concretamente al tuo esistere, nella vecchiaia... Nella vecchiaia raggiungi la consapevolezza che il tempo è un flusso continuo che scorre al di fuori di te.
    dal libro "Segnali di fumo" di Andrea Camilleri
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Simo11
      Una volta un raccomandato veniva considerato per quello che veramente era, e cioè un tale che, non riuscendo a farcela con le proprie forze, pregava un santo in paradiso di dargli una spintarella. Oggi invece l'essere raccomandati è come uno status symbol e il raccomandato si affretta a farlo sapere in giro.
      dal libro "Segnali di fumo" di Andrea Camilleri
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Simo11
        Gli innamorati non perdono tempo a scrivere "ti voglio bene", mandano una sigla, tvb. E se si vuole far partecipi gli amici di un dolore o di una gioia, basta inviare loro il disegnino che mostra un faccino triste o sorridente. L'omologazione assoluta. Spero che i poeti, gli scrittori, gli artisti, gli scienziati continuino a scrivere lunghe lettere agli amici, ai colleghi, alle loro donne. Altrimenti i nostri posteri non capiranno nulla dei nostri sentimenti, di com'eravamo.
        dal libro "Segnali di fumo" di Andrea Camilleri
        Vota la frase: Commenta