Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Domenico Torelli

Consulente vendite, nato a Andria (BA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Domenico Torelli
Dovevo fare una scelta e così mi affidai ad una moneta. Dentro di me sapevo quello che realmente volevo ma ero indeciso, avevo paura. Alla fine decisi ugualmente di lanciarla, mi preparai. Tremavo perché ciò che scaturiva doveva essere la mia scelta. La mano sudava, il cuore batteva. Per la strada non passava nessuno, ero io stesso il giudice, l'arbitro che doveva verificare la correttezza... sceglierò ciò che esce... ma all'improvviso, quando ero quasi pronto mi si avvicina un bambino malconcio, sporco, denutrito ma con un sorriso meraviglioso. Lui non mi chiese nulla mi guardava. Non aveva scelto, lo aveva fatto qualcuno al suo posto ed ora stava cosi a pagarne le conseguenze. Smisi di sudare, aprii la mia mano e diedi a lui quella moneta. O testa o croce, quella era la miglior scelta che potevo fare.
Domenico Torelli
Composta lunedì 16 gennaio 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Domenico Torelli
    Sono qui, forse non mi vedi, ormai sai che ci sono sempre e non ti accorgi nemmeno che sono cambiato. Il mio volto segnato dall'età, da piccole rughe esprimono stanchezza. Sono rughe di un viso che spesso si sforzano di sorridere e nascondono l'infelicità della resa ad una vita che non mi piace. Rughe che contornano gli occhi, socchiusi pieni di rabbia e delusione. Secchi di lacrime, come se non sapessero più piangere né di gioia né di dolore... Li chiudo ma continuo a vedere. Vedo i fotogrammi di momenti belli, di episodi brutti e di quegli attimi in cui ho incrociato i tanti bivii della mia vita. Non saprò mai se ho scelto la direzione giusta, so che solo con gli occhi chiusi posso provare a disegnare un finale diverso alle scelte sbagliate in passato. Ora sono andato via, forse non te ne sei nemmeno accorta. Sono cambiato, ho aperto gli occhi. Non voglio immaginare ciò che deve ancora succedere, ho occhi solo per il presente. Per il futuro resto in attesa del prossimo bivio.
    Domenico Torelli
    Composta domenica 24 luglio 2011
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Domenico Torelli
      Non è tardi.

      Non è tardi per parlare, non è tardi per ascoltare.
      Non è tardi per lottare, non è tardi per guarire.
      Non è tardi per chi è complice del tempo.
      Non è tardi per chi non ha fretta di vivere.
      Nessuno ci aspetta e qualora ci fosse qualcuno, non è tardi.
      La persona giusta ci aspetta. Non ha fretta.
      E se tarda lei ad arrivare, non è tardi, posso aspettare.
      Il tempo per me non è denaro, non ho fretta per qualcosa che i soldi non possono comprare.
      Il tempo per me non è un nemico, ho dei sogni fatti che ancora devo vivere.
      No, non è tardi. Ci vorrà del tempo, forse anche un'altra vita ma non mi arrendo perché non è tardi.
      Domenico Torelli
      Composta domenica 24 luglio 2011
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Domenico Torelli
        Come domenica mattina.
        Così iniziava una canzone di un bel po' di anni fa. Non ho mai avuto delle belle domeniche ma ne desideravo viverne prima o poi una soddisfacente magari risvegliandomi accanto a qualcuno. Spesso sogno questa camera con un letto a baldacchino tutto bianco, i muri bianchi con dei quadri appesi e la finestra che spalancata sfocia su una terrazza adorna di fiori blu con la veranda coperta da teli anch'essi bianchi da un vento leggero mossi. Nell'aria profumo di salsedine e fiori. Profumo di quel mare che non ho mai amato ma che adoro guardare. Mi siedo fuori spalle alla finestra della camera a prendere il vento in faccia e dietro di me c'è lei avvolta nelle lenzuola che riposa. Ogni tanto mi giro a sbirciare. Lei dorme ancora. Qualche timido raggio di sole penetra tra i teli, è ancora presto. Non riesco a tenere gli occhi aperti, la luce è forte. I miei occhi piccoli già di natura sembrano quasi chiusi ma sono sufficientemente aperti per guardare e assaporare la domenica mattina che desideravo.
        Domenico Torelli
        Composta domenica 24 luglio 2011
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Domenico Torelli
          Un attimo che non si può interrompere con le parole, né con un'azione. Né smettendo bruscamente voltandosi come un estraneo. Né sperando che sia l'altro a fermarsi prima. Come una virgola il mio respiro mi dona una breve pausa, ma così breve da non permettermi di pensare, di capire cosa sto facendo in quel momento. Una virgola che mi permette solo di vivere quell'attimo. Un attimo di passione senza nome.
          Domenico Torelli
          Composta mercoledì 6 ottobre 2010
          Vota la frase: Commenta
            Scritta da: Domenico Torelli
            La morte talvolta bussa, avvisa, e pian piano porta alla resa ma nello stesso tempo prepara, dà modo di combattere: conseguenza di mali improvvisi o già conosciuti che spengono silenziosamente una vita. Altre volte invece, sorprende, inaspettatamente. È la morte più dura perché uccide la gente che sta bene e con essa l'animo della gente vicina. Fa rumore. Rumore di uno schianto, di sirene. Rumore di voci che ne parlano, rumore di lacrime sconosciute che cadono. Nel silenzio solo la verità di ciò che è stato.
            Domenico Torelli
            Composta martedì 1 dicembre 2009
            Vota la frase: Commenta
              Scritta da: Domenico Torelli
              Un nuovo mattino, lo stesso sole di sempre. Nuove azioni, stesse quotidiane abitudini. Il susseguirsi delle ore e il movimento interrotto delle lancette dell'orologio. Ogni cosa che cambia, ha con sé una parte costante. Come i veri sentimenti che col tempo sbiadiscono ma mai scompaiono.
              Vota la frase: Commenta
                Scritta da: Domenico Torelli
                È difficile essere coerenti se si pensa che la vita sia sincronizzarsi con il resto del mondo, che anche le nostre scelte più importanti debbano confrontarsi con le mode e i pensieri d'oggi anche perché tutto oggi scorre velocemente. Siamo in continuo riciclo, vi è un rapido turnover di conoscenze e di "amicizie" nella nostra vita che impedisce la nostra coerenza di avere un seguito. Ecco che ogni secondo rielaboriamo i nostri principi a seconda di chi ci circonda seguendo il nostro cuore, unica parte del corpo a non potere esser tatuato, abbellito e vestito ma piacevolmente costretto ad esser sempre così dalla nascita fino all'ultimo suo battito.
                Domenico Torelli
                Composta mercoledì 25 novembre 2009
                Vota la frase: Commenta
                  Scritta da: Domenico Torelli
                  La vita è un gomitolo che si consuma. Si spera che al centro ci sia la felicità e così continuiamo a tirarlo, ad arrotolarlo velocemente come velocemente viviamo la vita senza pensare che con quel gomitolo potremmo fermarci a cucire i nostri giorni e ricamarne su di essi momenti stupendi.
                  Vota la frase: Commenta