Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Martina Pace

Tempo

Il tempo non è altro che una percezione, può trascorrere lento o veloce, siamo noi a decidere cosa è reale e cosa no. Brividi nel petto percorrono la pelle, s'infiltrano e accarezzano il cuore, l'anima. Tutto tace eppure tutto è un gran frastuono nell'oceano dei sensi, il mondo è un'illusione... [continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Martina Pace

    Mia dolce luna

    Sogno di poter sfuggire ai raggi del sole che mostrano tutto al mondo con la loro luce spiandoci, i nostri segreti, i nostri amori, ed io fuggiasca nel vento nel cielo continuo furtiva a seguire i tuoi passi mia dolce luna, e vorrei soltanto poterti prendere dietro il capo, chinarmi sul tuo... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta

      Un ragazzo calabrese

      Capitolo: La mia Calabria.
      Ascolto il vento, e la mia voce che non ce, si confonde con il canto della risacca che abbraccia gli scogli, li nasconde nelle creste nella schiuma delle onde spumeggianti, poi riemergono come giganti verdi e bronzei, grondanti di sudore. I miei capelli svolazzando nella brezza che entra nelle... [continua a leggere »]
      Composto sabato 17 dicembre 2016
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Monica Cannatella

        Leandro ed Ero (la mia versione della storia)

        Leandro viveva ad Abido (da non confendere con libido o con la famosa bibidibobidibù). Si innamora di Ero, che vive a sesto, una città dalla parte opposta. Ero, sacerdotessa di Afrodite (quella che vende gli afrodisiaci), era bellissima. E aveva dedicato alla dea la sua vita. Così, il loro amore... [continua a leggere »]
        Composto sabato 17 dicembre 2016
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Monica Cannatella

          Procne e Filomela (la mia versione della storia)

          Procne e Filomela, sono due sorelle, figlie del Re di Atene.
          Procne, viene data in moglie a Tereo (cugino stretto di Teseo, quello che sconfisse il Minotauro).
          I due, ebbero un figlio di nome Iti, che noi Palermitani conosciamo bene (vedi alla voce "Iti a fari n'to culu! (Dal greco - andate a...
          [continua a leggere »]
          Composto sabato 17 dicembre 2016
          Vota il racconto: Commenta