Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Annalisa De Simone

Ancora una volta, per una volta

La cosa migliore è imparare ad osservare. Osservare per cogliere piccoli gesti e piccoli sguardi. Quei piccolissimi sguardi che ti scaldano, gelano il cuore. Quegli sguardi che ti fanno tremare le gambe e le labbra. Quegli sguardi malinconici che ti sfidano, che ti guardano con disprezzo e... [continua a leggere »]
Composto sabato 3 dicembre 2016
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Pompeo Esposito

    L'uomo che cammina

    Lo osservavo, camminava, fissava la sua immagine riflessa, sorrideva e riprendeva a camminare. Non parlava, procedeva dritto verso una meta, una destinazione solo a lui nota. Per chi lo conosceva era il povero ragazzo, lo squilibrato, lo stolto, il nullafacente... un uomo invisibile... [continua a leggere »]
    Composto venerdì 2 dicembre 2016
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Pompeo Esposito

      Il triste inverno

      Il tempo passava celermente.
      Il mite autunno, dalle forti tinte pastello, stava per lasciare corso al freddo inverno, raffigurato, nel mio quadro mentale, con sottili linee abbozzate a matita, caratterizzato da una quasi totale assenza di colore. Le mie passeggiate in riva al mare divenivano...
      [continua a leggere »]
      Composto venerdì 2 dicembre 2016
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Pompeo Esposito

        Una nuova vita

        La madre, con gli occhi pieni di speranza, fissava la sagoma del giovane figlio adagiata su un bianco e isolato letto di ospedale. La sottile e fredda lastra di vetro che li separava non poteva spezzare il cordone ombelicale, il legame affettivo più forte in assoluto.
        Erano passati mesi da...
        [continua a leggere »]
        Composto venerdì 2 dicembre 2016
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Pompeo Esposito

          L'anziano pescatore

          In un angolo del vecchio porticciolo marinaro soleva stare l'anziano pescatore. Un giubbotto e un cappellino di lana proteggevano il suo esile corpo e le sue tempie dal pungente freddo del mattino.
          Stava lì, curvo, a rammendare le intrecciate reti, senza curarsi di ciò che lo attorniava. Il...
          [continua a leggere »]
          Composto venerdì 2 dicembre 2016
          Vota il racconto: Commenta