Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti


Scritto da: Simone Franceschet

Lascia che io sia...

Capitolo: Capitolo 2
Eravamo simili noi, cercavamo le stesse cose e pensavamo allo stesso modo, peccato che tu ora non sia qui, ma ti cercherò in tutto il mondo, giorno e notte. Salutai i miei genitori e partii per un lungo viaggio alla ricerca del pezzo di cuore perduto. Viaggiai per giorni da Torino a Venezia, da... [continua a leggere »]
Composto domenica 9 ottobre 2016
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Enrico Coraci
    Sono nato in un mondo che non ho scelto, e vissuto sotto leggi varate da un governo che ho trovato così.
    Ho mangiato alimenti prodotti dalle industrie, ed altri coltivati dagli agricoltori.
    Ho imparato una lingua già inventata, con un alfabeto strutturato e creato dai Fenici, poi perfezionato...
    [continua a leggere »]
    Composto domenica 9 ottobre 2016
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Giancarlo Agatello
      Una bambina chiede alla madre: "Mamma che cos'è un amico"? "Un amico è chi ti conforta quando sei triste, che ti ascolta quando parli, che ride della tua gioia, e ti protegge, sempre." La madre parlava, ed la bimba ascoltava, quando ebbe finito di parlare domandò: "Mamma come si tiene un amico... [continua a leggere »]
      Composto martedì 2 aprile 2013
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Cassandra Diafano

        Un Felice equivoco

        - Ciao, Nico, a domani!
        Mario è così. Lascia la scrivania alle 17.00 precise. Le questioni urgenti, quelle che devono essere risolte perché il sistema non si inceppi e il lavoro di tutta l'azienda possa proseguire senza intoppi, e che di solito emergono all'ultimo momento, quelle le lascia ai...
        [continua a leggere »]
        Composto mercoledì 31 agosto 2016
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Patrizio

          L'eau

          Quelques jours plus tard, un matin (nous étions à nouveau au bord de la rivière), El Chura m’a pris par le bras et m’a soufflé à l’oreille :
           -  Aujourd’hui tu vas apprendre son langage. Elle a des choses à te dire.
           -  Comment apprendre le langage de l’eau, Chura ?
           -  Plonge ton visage...
          [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta