Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: C. De Padua Visconti

Il ripasso del mio passato

Ripasso come un vecchio
Impolverato libro
Il mio passato.
Rileggo mesto
Momenti di dolore,
lacrime affluiscono
su arrossate gote
e bagnano le mie tremanti
labbra.
Il tempo
Amico dell'infausto destino
Braccò senza pietà
La mia umile quiete,
la modesta serenità
di una semplece anima.
Giorni in cui
Il cuore fù lacerato,
come spade affilate,
riemergono dolori,
sono come pungoli,
infilzano la mia anima,
riecheggia l'eco dei tormenti,
la visioni mi s'abbaglia
ruscelli di lacrime
scorrono sul collo,
e odio cio che fù
e detesto ciò che sarà
tanta l'amarezza
che solo la morte
allevierà
e Dio solleverà
questo passaggio
di vita
ingrata.
Composta domenica 23 marzo 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti

    inscindibili

    Nell'anima tua
    ho deposto il mio cuore,
    custodiscilo nel segreto,
    c'è scritto tutto l'amore
    per te,
    sfoglialo come un sacro
    libro,
    ti sarà svelata
    la magica
    via della passione,
    con le tue mani
    nelle mie mani
    ne seguirai il sentiero;
    allora solo allora
    i nostri corpi
    inscindibili
    vivranno l'uno
    per l'altro. ti amo.
    Composta domenica 23 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti

      la farfalla

      Come vagabonda farfalla
      su prati senza fiori
      vagava triste la mia anima,
      poi attirata da un arcano profumo
      di rosa rossa,
      distesi le mie ali
      sui petali del tuo cuore,
      e tranciai le ali al vento,
      nella tua anima
      deposi il mio gaudio corpo,
      fino all'ultimo respiro.
      Composta domenica 23 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti

        Affondo gli occhi

        Affondo gli occhi
        Nella radiosa luce stellare
        Per distogliere la tua folgore
        Impressa nelle mie pupille,
        invano,
        come lampi riemerge
        il tuo viso.
        Percorro viali fioriti
        L'ebbrezza di amalgamati
        Fiori,
        non sento che il tuo
        profumo
        sulle mie mani,
        le sollevo
        la tua essenza
        fusa nell'anima
        mia.
        I pensieri
        Io non domo
        Corrono a te,
        irrefrenabili,
        insaziabili
        ingombrano la mia
        mente,
        la tua è
        una presenza
        costante
        ed io ti sento
        anche
        nell'assenza.
        Composta domenica 23 marzo 2014
        Vota la poesia: Commenta