Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
Era un venerdì santo di tanti anni fa
quando una donna nel silenzio mi disse:
"ti porterò nel cuore della strada
ti aprirò un sentiero nel deserto
ti amerò come le montagne
le radici primordiali del tempo".

La notte avanzò dolcemente nel silenzio
un cristo sulla croce dominava il calvario
la veronica contemplava il volto dell'uomo.

La stella del mattino rinacque ammutolita
sul volto in preghiera della vergine.
Era un venerdì santo di tanti anni fa
quando il cuore bagnato in un fuoco
iniziò a cantare la vita sbocciata in un fiore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
    Ritornare a casa è ritrovare la vita.
    Il mondo è grande per un uomo solo.
    Ogni cosa ti parla di amicizia
    guardandola da un balcone al sole.

    Non possiamo vagabondare da soli
    siamo nati per riempire i silenzi,
    per leggere le rocce e il tempo,
    per ascoltare il vento sussurrare dentro.

    Quando la pioggia scende lentamente
    la vediamo che purifica l'anima
    dietro i vetri opachi di tristezza
    della nostra finestra casalinga.

    Ritornare a casa è ascoltare i fiori
    raccolti da qualcuno che ci ama
    per alleviare il nostro sudore
    profumando il nostro amore.

    Ritornando a casa ci sentiamo uomini
    per saper ascoltare il battito del tempo
    sentire balbettare le prime sillabe dei figli
    leggere gli occhi della moglie che aspetta.

    La casa serve per farci uomini in ascolto
    di molte cose che ci parlano al cuore,
    dove si comprendono tutti i dolori
    facendo fiorire i nostri grandi amori.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Roberta Bugnotto

      Asia

      Asia ama il rosso
      vestita di petali di rosa
      danza con il vento
      al tramonto va nell'orto
      si siede sotto il noce,
      mentre guarda le sue zucche,
      ricordando una favola dove diventano carrozze.
      Asia sogna,
      mentre il gatto rosso,
      strusciandosi fa le fusa.
      Un salto,
      e un rospo
      con aria goffa e imbronciata gracida,
      Asia alza la testa e a un'altra favola pensa.
      Vota la poesia: Commenta