Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


Scritta da: Daniela Cesta

Guerriero di Dio

Cupo tramonto invernale, nel biancore della neve
colline e monti velati bisbigliano note malinconiche
che trafiggono anima circondano lo spirito e stringe il cuore,

il crepitio del fuoco e la sua calda fiamma
avvolge le mie mani e carezza il cuore
di infinite sensazioni primordiali difficili da descrivere

l'inverno entra dentro di noi e scava nella profondità
brutalmente con spietatezza crudele, ma la nostra
parte spirituale difende noi dall'angoscia nelle viscere

devozione e amore verso Dio è la nostra salvezza
l'ancora di salvataggio che difende dai nemici
dell'anima e del corpo, siamo piu forti e padroni di noi stessi

elevatezza, superiorità, nobiltà, bellezza,
dignità, eccellenza, noi siamo la roccia
che Dio desidera, per essere forti al suo fianco

per essere un suo guerriero sulla terra.
Composta domenica 5 febbraio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Lo sguardo della montagna

    Lo sguardo della montagna arriva a me
    attraverso i vetri appannati, di pioggia fredda
    sussurra parole dolci e profonde,

    mormorio che proviene dall'universo
    dagli angeli instancabili, che, volano per raggiungere le anime
    in difficoltà bisognose di aiuto divino,

    su questa terra la vita è dura, tra violenze
    soprusi, ingiustizie, malattie e povertà,
    lo sguardo della montagna solleva l'anima

    bella la cima del monte che si erge nel cielo
    nel silenzio del tramonto, nella carezza lieve dell'inverno
    come tocco delicato di uno spirito celestiale,

    quando arrivo sulla cima della montagna
    sento che appartengo al cielo infinito
    e dimentico tutte le brutture della terra.
    Composta domenica 5 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marianna Iannarone

      E tutte le primavere che vuoi...

      Un vaso per i fiori
      Un cesto di ciliegie
      Un letto grande
      e tutte le primavere che vuoi,
      In ogni inverno che posso. Un pettine per i capelli
      Un nodo al dito
      Una stanchezza immensa
      e tutti gli anatemi da amplesso
      In ogni malinteso che esiste. Un aquilone per desistere
      Un albero da piantare
      Una responsabilità da scaricare
      e tutte le soluzioni che vuoi
      In ogni circostanza possibile. Per tutte le volte che vuoi.
      Per tutte le volte che voglio.
      Vota la poesia: Commenta