Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie


L'amico vero

Ho cento amici,
ma me sento solo.
Ho cinquanta amici
e so' sempre solo;
se ne vanno altri tre
e solo me sento:<<più de te>>!
arrivo ar numero trenta, macchè:
la solitudine me spaventa!
e poi ventinove, ventotto, ventisette;
tutti quanti furon barzellette.
Fino a quanno uno solo ne trovai,
ma tanto caro e tanto bono: <<lui me tolse da li guai>>
L'amico vero te stima troppo ed è sincero...
L'amico vero nun te lassa nel mistero...
L'amico vero te dà la mano 'ner bisogno...
L'amico vero all'infinito sarà: <<soltanto 'n sogno>>
Composta martedì 24 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alido Ramacciani

    Io

    Io
    chi sono
    dove sono
    la mia mente intreccia
    un battito d'ali che non volano più
    masticando pensieri sfocati
    aggrappato al tempo
    inseguo il nulla
    ricordi impietosi
    si tuffano
    in crateri melmosi
    alla deriva
    uno schermo divide
    parole e musica
    note distratte sedute sul leggio
    confondono la melodia
    perché non sento il sapore del sale
    perché non sento profumi d'incenso
    il sole eroso, pallido, specchio di gelo
    confonde le mie certezze
    scivolando nelle profondità del nulla
    umiliate dalla mia confusione
    stelle fredde
    cristallizzate
    senza colore
    arrancano in un cielo
    di fantasmi lacerati
    luna
    ombra delle mie notti insonni
    perfida compagna del mio malessere
    nuvole fameliche
    penetrano l'anima
    lasciando ferite invisibili
    perduto
    compromesso dal dolore
    vago in un mare di lacrime
    insidiate dal tempo
    che infido
    sbrana le mie speranze.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Egyzia72

      Il profumo dei campi

      È il giorno che nasce
      un'emozione che cresce
      il sole che abbraccia
      questi spazi infiniti
      vestiti di oro
      come madre natura.
      È il profumo dei campi
      fragranza che lascia
      nelle mani arsute e stanche
      la fatica che avanza
      al suo vecchio capezzale.
      È lo scalpitio degli zoccoli
      nella foga di un galoppo
      che rompe il silenzio
      nel lungo caldo andare.
      È tiepida la sera
      Il sole ci saluta
      l aria diventa sogno
      lasciando le ultime carezze
      al giorno che verrà.
      Composta venerdì 18 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta