Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Cos'è più scorretto, mostrare la propria croce..." di Antonino Gatto


79
postato da , il
Scusate ho fatto un errore di battitura verso la fine del commento: è "discriminazione" e non discrimiazione.
78
postato da yeratel, il
Non posso far altro che "appoggiare" fermamente l'opinione di Elena nei commenti 106/107...
77
postato da , il
Sta venendo meno il dialogo umano ed è questo il problema principale.
76
postato da , il
Sir Jo Black, hai risposto sviando il tema.A parte il credere o no, a molti fa più comodo fare finta di niente nascondendosi dietro le solite parole come "umanità" e "comprensione". Ma il buonismo non è "cedere" allo straniero. Se ti dovesse capitare di fare un  viaggetto nei paesi che io definisco "intolleranti", ti consiglierei di cucirti la bocca perchè la libertà che tu hai qui, nella tua Patria (sempre che tu sia Italiano)là te la puoi scordare. "Historia magistra vitae est"
Per farti capire meglio il concetto, ti racconto ciò che mi è capitato tempo fa. Nella scuola dei miei figli,due anni fa, furono portati dei volantini da distribuire ai ragazzi. Si trattava di un corso gratuito di arabo per ragazzi e adulti. Puoi credermi, ero felice perchè, a parte l'Amore per la cultura in generale, mi si prospettava la possibilità di conoscere la lingua araba. Il bello viene ora. Quando telefonai per chiedere informazioni sull'iscrizione al corso, mi rispose un maestro arabo il quale mi disse, dopo vari tentennamenti, che il corso era solo per "bambini arabi"!.
Questo, secondo te, che cosa è stato? Io lo definirei discrimiazione "in casa mia".
Ho alzato un po' di polvere lamentandomi con chi di dovere.Risulato?
I volantini son spariti, ma il corso per "soli bambini arabi" è stato fatto!
Il mio intento era solo quello di conoscere,approfondire e magari amare una nuova lingua che ritengo molto bella.
75
postato da , il
Che discorsi che si tirano in ballo solo per dimostrare l'esistenza o meno di un dio, o sulla santità o meno di Gesù! Addirittura arriviamo a tirar fuori frasi quasi offensive.

La risoluzione del problema è semplice e banale. Non è dimostrabile l'esistenza di dio. La sua esistenza è solo una questione di fede.

E' tangibile che la parola di persone come Gesù rispecchino il bene per l'umanità. E ciò non lo credono solo i cristiani, ma anche i musulmani e gli atei.

E' evidente che per l'uomo esiste la contrapposizione tra bene e male, ma non è così evidente - per l'uomo - quali siano i limiti dell'uno e dell'altro.

A me questo topic sembra - per vari aspetti - il solito discorso poco costruttivo tra chi crede e chi non crede.

La cosa terrificante è che molti continuano a giocare sul dualismo fede/non fede senza vedere ed ascoltare le parole dell'altro schieramento. Intanto tutto va di male in peggio ed in giro non si vede più quasi umanità se non abbastanza finta ...

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti