Questo sito contribuisce alla audience di
Scritto da: Cleonice Parisi

L'uomo delle patate


Scegli la pagina:
...voce, muore l'uomo.

E così dicendo l'uomo morì su quella spiaggia, o per lo meno morì la sua parte umana, perché al sorgere dell'alba i suoi occhi si riaprirono, e come se nulla fosse accaduto riprese la sua sacca e cominciò a camminare lungo quella stessa spiaggia.

Stavolta i suoi occhi erano limpidi, mentre camminava raccoglieva i frutti della riva, conchiglie dalle meravigliose sfumature che sembravano saziarlo a prima vista, stelle marine cantavano vita accompagnandolo lungo il suo pellegrinare, e fu allora che la voce dal mare tornò a parlare:

Non ascolto tue parole da tempo, ma vedo che hai fatto molto cammino da allora, ti sei poi posto la giusta domanda, tu chi sei?

Io sono.

Disse l'uomo, con voce disattenta, mentre i suoi occhi continuavano a scrutare la grande spiaggia alla ricerca di tesori.

Chi?

Continuò la voce.

Io sono parte di te.

E la tua natura umana? Dove l'hai lasciata?

L'uomo si girò alle sue spalle e con la mano indicò un corpo accasciato lungo la riva di quella spiaggia:

La mia natura umana morì di stenti tempo addietro, questo cammino ha affamato e ucciso l'uomo che rivestiva il mio spirito, ed oggi che sono libero dalla zavorra, cammino senza fame e ... [segue »]

Immagini con frasi

    Info

    Scritto da: Cleonice Parisi

    Commenti

    Al momento non è possibile commentare quest'opera.