Questo sito contribuisce alla audience di

Mini racconti

Mini racconti, storie brevi e ritagli di vita.


Scritto da: Magic_Mike
in Racconti (Mini racconti)
Ho incontrato un angelo l'altra sera, e abbiamo iniziato a parlare. Oh! Un angelo! Sto sognando! Dissi. Lui mi guardò e rispose: "no, non stai sognando, è tutto vero ragazzo!" Io subito replicai: "che creatura meravigliosa sei! Con quelle ali bianche, quella presenza spettacolare, quel corpo... [continua a leggere »]
Composto mercoledì 16 ottobre 2013
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Taurio Luigi soli
    in Racconti (Mini racconti)

    Fuga solitaria di un uomo affranto

    Scappai verso sera dalla mia delusione, non l'avrei mai avuta, lei non mi avrebbe mai voluto. Allora mi addentrai nell'oscuro bosco dirimpetto alla strada maestra. Vagai per la foresta; tra rovi spinosi ed alberi maestosi; vidi la luna schiarir le montagne, ella era piena di briosa lucentezza e... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Horion Enky
      in Racconti (Mini racconti)
      Un giorno Sogno conobbe Desiderio e, insieme, iniziarono a fare grandi progetti, al punto di coinvolgere Futuro, che divenne loro amico. Con lui decisero di incamminarsi insieme. Strada facendo si fermarono a casa di Speranza e le chiesero se avesse potuto aiutarli a realizzarsi, al che, lei lì... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Rosanne Donatiello
        in Racconti (Mini racconti)

        Nei tuoi occhi, la luce

        Voglio raccontarvi di un bambino, incontrato stasera per le strade della mia città. Passeggiavo sola, quando all'improvviso sento una dolce melodia di Natale. Mi giro intorno, cerco di capire da dove proviene. Alla mia destra, un dolce angelo dagli occhi grandi, scuri ma pieni di luce! Un visino... [continua a leggere »]
        Composto domenica 20 dicembre 2015
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marco Tedeschi
          in Racconti (Mini racconti)

          L'edicolante del Peloponneso

          L'edicolante del Peloponneso un giorno fu sorpreso a chiudere l'amore in una campana di vetro, il popolo lo guardava con un po' di apprensione ma nessuno mosse un dito per la sua consolazione. La sua unica lacrima fu raccolta da un passante che lasciò la valigetta che si fece pesante. La sua... [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Marco Giannetti
            in Racconti (Mini racconti)

            Viaggio in chile

            "Por la Razon o la Fuerza" eccomi atterrato a Santiago del Cile.
            Ammetto che il primo impatto non è stato dei migliori: stanco dell'ennesimo lungo viaggio aereo senza aver chiuso occhio mi ritrovo in una città grigia e fredda... ma quaggiù va di scena l'inverno. Non ho tempo di soffermarmi sulla... [continua a leggere »]
            Composto venerdì 16 luglio 2010
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Tap72
              in Racconti (Mini racconti)

              Hans Trapp

              La luna annaspa per emergere dalla fitta coltre bianca e quasi gelatinosa che avvolge cielo e terra. Abraham dal balconcino della sua stanza la osserva. È la notte più fredda da quando si è trasferito in paese. Si stringe nelle braccia e corre in casa. Suo padre sta sistemando un tizzone nel... [continua a leggere »]
              Composto mercoledì 2 dicembre 2015
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Mariella Buscemi
                in Racconti (Mini racconti)

                Il bambino della Luna

                I cristallini mi zampillano avanti e indietro.
                I mattoni traballano come fossero tappeti volanti.

                Salve, mi chiamo "tutt'intorno", anzi, "Tutt'Intorno", ché mi han detto che nome e cognome van scritti grandi.
                Mi chiamo Tutt'Intorno perché giro e mi rigiro le cose tra le mani e io stesso ruoto... [continua a leggere »]
                Vota il racconto: Commenta
                  in Racconti (Mini racconti)

                  Percezioni viaggianti

                  Toxicity dei Sistem Of a Down iniziava dolcemente nelle cuffie. Andai a sedermi e chiusi gli occhi. Mancava ancora un po' per la mia fermata, così mi lasciai andare ed entrai in un leggero torpore...
                  Estella mi apparve invecchiata di colpo. Piangeva, supplicava. M'insultava. - Bastardo... [continua a leggere »]
                  Composto nel aprile 2006
                  Vota il racconto: Commenta