Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Anna De Santis

Il tempo

La famiglia Scompiglio si svegliava con l'ansia del far tardi
orologi e sveglie in ogni angolo di casa, le lancette sembravano spilli
e la mattina appena svegli, già si cominciava con gli strilli...
Forza pelandroni, si fa tardi, siete dei pigroni
la scuola aspetta, fate colazione in fretta
il... [continua a leggere »]
Anna De Santis
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Anna De Santis

    Il tempo

    La famiglia Scompiglio si svegliava con l'ansia del far tardi
    orologi e sveglie in ogni angolo di casa, le lancette sembravano spilli
    e la mattina appena svegli, già si cominciava con gli strilli...
    Forza pelandroni, si fa tardi, siete dei pigroni
    la scuola aspetta, fate colazione in fretta
    il... [continua a leggere »]
    Anna De Santis
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Anna De Santis

      L'amico

      L'amico è come er core che c'hai drentro
      batte sempre, anche se nun lo senti
      te sostiene in tutti li frangenti
      e quanno ce vò, te manda a fa n'culo co tutti li Santi
      poi che ripija fiato te s'accosta, te chiede scusa
      e te dà na mossa
      se manco te sei accorto che hai sbajato
      te fa capì che stronzo... [continua a leggere »]
      Anna De Santis
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Anna De Santis

        L'amico

        L'amico è come er core che c'hai drentro
        batte sempre, anche se nun lo senti
        te sostiene in tutti li frangenti
        e quanno ce vò, te manda a fa n'culo co tutti li Santi
        poi che ripija fiato te s'accosta, te chiede scusa
        e te dà na mossa
        se manco te sei accorto che hai sbajato
        te fa capì che stronzo... [continua a leggere »]
        Anna De Santis
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Anna De Santis

          L'automobilina demotivata

          Un vecchio taxi dei quartieri arti
          aveva  progetti pel suo piccolino
          quindi deciso che da grande, er poverino
          avrebbe percorso le su stesse strade.
          Ogni tanto er vecchio genitore je ricordava
          che la scola che lui aveva fatto, bona je sembrava
          quindi mannò a imparasse er macchinino.
          Poverino, nun... [continua a leggere »]
          Anna De Santis
          Vota il racconto: Commenta
            Scritto da: Anna De Santis

            L'orologino coatto

            Na vorta, c'era o nun c'era, fate voi, n'orologino strano
            nato nei quartieri de la Garbatella
            da n'artigiano, vecchio orologiaio, fatto de pezzi assemblati
            de vecchi orologi pregiati.
            Pe je dà na veste un poco bella
            je monta puro le impostazioni, der sole che tramonta e della luna e na stella
            ma... [continua a leggere »]
            Anna De Santis
            Vota il racconto: Commenta
              Scritto da: Anna De Santis

              La fine der monno

              Prima, era er caos sulla tera, pareva de stà in una sera
              era calla da fa paura, ma er Signore volle comincià la sua avventura...
              Nun era plastilina, ma piano piano prese forma, che ancora jè fumava tra le mani
              ogni tanto se la guardava e sempre quarche cosa ce mancava.
              Cominciò a raffreddarse e... [continua a leggere »]
              Anna De Santis
              Vota il racconto: Commenta
                Scritto da: Anna De Santis

                La storia der Bimbo Gesù

                Ve vojo raccontà na storia vera
                che me ricordo da quanno ero bambina:
                s'era in Betlemme, freddo in tutto quer paese
                Maria cor peso de li nove mesi, se trascinava sopra a quer ciuchello
                stanca, affamata, pronta a partorire.
                Giuseppe su sposo, preoccupato della moje, che ner frattempo avea le doje... [continua a leggere »]
                Anna De Santis
                Vota il racconto: Commenta
                  Scritto da: Anna De Santis

                  Le caldarroste

                  Quasi sera, una bimba se ne andava, sola soletta ai bordi di una strada
                  gli occhi tristi senza attenzioni, sguardo basso e incerte condizioni.
                  Freddo e nebbia per la via, nessuno ci faceva caso
                  ma si fregava le mani e aveva rosso il naso
                  erano diventate viola come il suo vestito
                  la luna di lassù... [continua a leggere »]
                  Anna De Santis
                  Vota il racconto: Commenta