Scritta da: C. De Padua Visconti

L'amore stazionario

Il sole tramonta,
la luna è mancante,
l'inverno passerà,
tutto è momentaneo,
ma credimi l'amore no!
È come uno scoglio nascosto
lo senti nella profondità
dell'anima,
è capace di inabbissare
il cuore in un mare d'emozioni
e non riesci più a emergere
ti toglie il respiro
intrappolato nei meandri
dei suoi sensi
prigioniero delle onde
che mutano il tuo destino,
che trasformano
i tuoi pensieri,
e tu
non sei più
quello di prima!
Composta sabato 23 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. De Padua Visconti
    Vorrei tramutar
    il tuo pianto
    in felicità,
    per non sentirti
    triste,
    ed io
    fiero del
    mio sacrificio
    della gioia
    donatati.
    Lo percepisci
    il mio amore?
    Ne sei conscia?
    Non senti
    la mia anima
    varcare
    spazi
    e venti
    per
    raggiungerti
    nell'ombra della notte?
    Questa sera
    io verrò
    a vegliare
    la tua anima
    vezzeggierò
    il tuo corpo
    dolce
    con sussurri
    d'amore!
    Composta mercoledì 20 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. De Padua Visconti
      Lui è in trasformazione
      muta col tempo,
      lo guardo con intensa pietà
      e non lo faccio con
      i suoi occhi
      ma con l'anima!
      Lui chi?
      Il corpo!
      Fa quello che vuole
      a me interessa
      l'orizzonte dell'anima,
      il librare invisibile.
      Ma intanto
      mi chiedo:
      chi sono?
      E tu che leggi
      lo guardi
      invecchiare?
      Il corpo!
      Composta lunedì 18 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. De Padua Visconti
        Tu passeggiavi nella mia anima
        Fiera di lasciare le tue orme
        Sul manto del mio cuore!

        Planavi sulla mia pelle
        Lasciando tracce
        Come patto del nostro
        Amore.

        Le tua braccia
        Come ali di farfalle
        M'avvolgevano
        Come nettare
        Ti nutrivi
        E spaziavi
        E
        Posavi
        Su me
        Inebriandoti
        Di profumi,
        profumi di primavera
        d'amore!

        Possa l'inverno passare
        Possa il gelo
        Svernare
        E tu
        Ritornare
        ritornare ad amare!
        Composta giovedì 14 febbraio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di