Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Alessandro Petrelli

#17

C'è ancora impresso il tuo sorriso
tra le stanze della casa,
e tra il vociare dei tuoi amici
a tratti è come udirlo ancora.

C'è quel numero un po' ovunque,
nelle case e dentro i bar,
o indelebile sui corpi
di chi non lo accetta mai.

C'è il tuo posto in mezzo al campo,
non occorre un sostituto,
è la tua carica a bastare
ad altri mille incontri ancora.

C'è il vigore dei tuoi abbracci,
e se ne avverte la pressione,
e sulla pelle anche il calore,
e sui vestiti anche l'odore.

È ancora tutto ben disposto,
in cameretta e nei tuoi spazi,
ogni tua cosa sta al suo posto
e non hai modo di adirarti.

C'è la tua squadra ogni week end
e tu la segui e vince ancora,
c'è la tensione e la speranza,
la porta chiusa della stanza.

È tutto come lo hai lasciato,
perché non lo hai lasciato mai,
persino quando il dubbio è tanto
sei solo nella stanza a fianco.
Composta lunedì 15 aprile 2019

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Alessandro Petrelli

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti