Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Antonio Recanatini

Il neo nella mente

Vorrei ricordarti i vecchi lamenti
le corse pazze fino a riva,
e le risate all'ombra dei pini.

Vorrei confessarti cosa pensavo
quando sorpassavamo in curva
e da innocenti, quasi perdenti
quasi vincenti, frugavamo nel vento
e riempivamo di sogni ogni filo del discorso.
Non volano altre aquile in cielo
ridimensiona lo slancio l'impagabile passione,
al fianco del furbo s'accosta la noia
e costruito l'eremo, l'altro impeto s'accheta.

Vorrei raccontarti un'altra favola
ridipingere il mosaico a tempo perso
e influire sull'affannoso vivere da onesto.
Presi in consegna ogni limitata visione
deciso e coerente nel rivedere i modi,
neanche con l'ironia sbagliavamo mira.

Vorrei guardarti di nuovo negli occhi
e sentire il calore che avvampa,
il ghiaccio che congela,
la risata che sgela, l'amore che vibra.
Il neo nella mente s'apre, rinviene
e quel che è stato sembra di un'ora fa.
Composta martedì 7 agosto 2007

Immagini con frasi

    document.write('');window.__cmpWait(function(){document.getElementById("singlequote-ad").className+=" adsbygoogle";pp.jss("//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3821133970955797","googleadsjs",0,{crossorigin:"anonymous"});(window.adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})})

    Info

    Scritta da: Antonio Recanatini

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:0.00 in 0 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti