Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: ROBERTO POZZI

Il perché di te

Io conosco bene il perché di me,
la mia motivazione era il semplice bisogno d'amore,
ma riguardo al perché di te,
beh, questo è il vero dramma di questa opera:
tu sei sempre stato il protagonista di questa incredibile storia,
di quel strano concerto in discoteca,
quando tu che mi avevi trovato interessante,
che mi avevi corteggiato
ma poi mi avevi lasciato,
senza alcun apparente motivo,
come atto finale di questa moderna tragedia
dai risvolti così sentimentali!
Dal momento della tua presentazione,
ti avevo già considerato un tipo gentile,
incredibilmente solare,
uno che sprigionava un carisma
davvero particolare
che ti rendeva molto attraente,
e, almeno, ai miei occhi,
quella parte della tua personalità era così bella
ed evidente!
Anche se non ne ero sicuro...
tu eri il mio sogno vivente
perché non eri frutto della mia immaginazione
ma tu esistevi veramente!
Tu eri quel ragazzo carino.
dentro e fuori,
che con quel tuo sorriso amichevole,
in solo pochi minuti dopo averti incontrato,
mi avevi già fatto sentire a mio agio
come solo un vecchio amico avrebbe saputo fare!
Tu eri quello che aveva compreso chi ero,
e cosa inconsciamente cercavo,
ed in attimo,
mi avevi sorpreso con la tua riposta,
accarezzandomi la spalla,
mi avevi scaldato molto di più del mio corpo
ma mi avevi infiammato il mio spirito
di allora,
che tuttora,
sta ancora bruciando dentro me
pensando a te!
Come l'oggetto del tuo desiderio,
mi sarebbe piaciuta l'opportunità
d'approfondire quell'attrazione a prima vista
che tu mi avevi appena accenato,
ma, purtroppo,
che non avevi più continuato
con quella passione degna di una rovente storia d'amore!
Con il senno del poi,
posso solo intuire il perché di te,
di cosa ti era capitato,
e probabilmente
neanche tu conoscevi la vera ragione
della tua obiezione:
il perché non avevi mai più osato
quell'amore considerato...
innaturale,
ma che tu l'avevi reso spontaneo
che mi era sembrato del tutto così...
naturale
per me
essere attratto da te
e pensare
che non c'era niente di male
nel desiderare
l'affetto di un altro ragazzo!
Composta lunedì 12 novembre 2012

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: ROBERTO POZZI

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.00 in un voto

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti