Questo sito contribuisce alla audience di
mi sento
come un uccello senza ali
in gabbia,
privo del suo essere
della sua libertà,
sta lì a guardare un cielo meraviglioso
che lo chiama ogni giorno
"dai vieni, vola verso di me"
ed ogni giorno gli deve rispondere
"non posso, non ho le ali"
lo guarda e lo desidera
più della morte
quanto si può amare una vita
e pensa
"vorrei essere lì con te"
a vivere le cose preziose,
quell'uccello lo odia il cielo
gli ricorda ogni giorno
che non potrà mai volare verso di lui
"non ho le ali, mi odio" dice tra se e se l'uccello
senza non può assaporare
quella libertà che sprigiona la sua natura
non cambierà mai
non svanirà mai
quella natura
fa parte di lui e del suo essere
così come la mia

qualcuno la chiama anima
cosa sia non lo so
sento solo che c'è
e mi divora
la odio.
Composta domenica 8 giugno 2014

Immagini con frasi

    Info

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.00 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti