Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie generazionali migliori


Scritta da: Marco SALSTyle
in Poesie (Poesie generazionali)
Donna sei il più bel fiore
che il buon Dio
abbia creato.
Sei quel fiore che
cresce e matura nel prato della mia esistenza.
Sei come il vento,
fresco e invisibile,
come il vulcano,
forte, e maestoso.
Come le nuvole,
leggera e fresca.
Come la luce,
che abbaglia senza contrasti il buio dell'uomo.
Ti chiedo una cosa, non per curiosità,
dietro ad ogni mia frase d'amore c'è un idea che mi
bussa in testa
la mia idea di te e di me donna.
Insieme, ora.
Composta venerdì 8 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Venere
    in Poesie (Poesie generazionali)
    Ho voglia che i tuoi fugaci abbracci diventino qualcosa di più serio ed esplicito.
    Ho voglia che i tuoi occhi mi guardino come non hanno mai fatto e che mi facciano capire quello che provi.
    Ho voglia che col tuo sguardo tu possa entrare nel mio cuore e capire cosa vuoi da me.
    Ho voglia che le tue mani mi tocchino come nessun altro mi abbia mai toccato.
    Ho voglia che le tue labbra sfiorino le mie in un bacio infinito.
    Ho voglia che il tuo cuore e la tua anima possa diventare un tutt'uno con la mia.
    Semplicemente... ho voglia di te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Poetessa innamorata
      in Poesie (Poesie generazionali)

      Con lui

      Con lui, starei in mezzo ad una tempesta...
      Con lui, starei sotto alla grandine senza nessun riparo...
      con lui, rimarrei immobile all'ipocentro di un terremoto...
      Con lui resterei al centro più caldo dell'inferno...
      e altro ancora, perché con lui tutto ha un aspetto diverso...
      Una tempesta sarebbe soltanto un pizzico di venticello e qualche gocciolina di pioggia;
      La grandine si trasformerebbe in morbidi cubetti di zucchero filato;
      Insieme a lui, un terremoto sarebbe solo una vibrazione leggera,
      un piccolo brivido e l'inferno potrebbe essere paragonato a una casa accogliente
      riscaldata dal dolce calore di un camino acceso.

      Si con lui tutto sarebbe diverso, più bello... lo sarei anche io.
      Composta giovedì 4 marzo 2010
      Vota la poesia: Commenta