Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Bernardo Panzeca

Radici

Era quell'albero il mio calendario
Lo piantai da piccolo in giardino
e di volta in volta lo osservavo.
Silenzioso, imponente e retto
mai alcun foglio aveva maledetto.
Non chiedeva mai nulla
Mi avvertiva con una foglia
a volte con dell'ombra
e con dei fiori delicati
di tanto in tanto mi svegliava.
Erano profumati quei fiori
Sapevano di zagara
il profumo di mamma
Una vecchia fragranza
con i ricordi ancora sul viso.
Composta sabato 12 ottobre 2019

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Bernardo Panzeca

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.80 in 5 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti