Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Antonio Capolongo

Il pensiero, il poeta e la musa

Or che la poesia è sulla carta,
lemmi ispirati dalla dolce musa,
l'oggetto che li ospita ricusa
l'essenza ch'avvilita par diparta.

Pensiero ti dibatti nel periglio,
agogni ritornar in quella culla
ove ogni minaccia è cosa nulla
se gl'autor son egida pe'l figlio.

Lo spirito combatte la materia
che pur creò per farsi sostenere.
Non ascoltò Socrate, ora si tormenta,

ma la lezione basta perché senta
che quello spettro non dovrà temere:
amaro disinganno la miseria.
Composta sabato 5 marzo 2011

Immagini con frasi

    Info

    Scritta da: Antonio Capolongo
    Dedica:
    A Ester.
    Ha partecipato al concorso
    VIIº concorso letterario internazionale di PensieriParole

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:9.00 in 2 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti