Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie Filastrocche migliori


Scritta da: Ambra
in Poesie (Filastrocche)
Buonanotte dolce stellina,
dormi fino alla mattina.
Sarai cullata nel lettino
da un pensiero assai carino.
Non ti turberà più il vento,
e dormirai senza tormento.
E guardando su le stelle
cercherai quelle più belle.
Buonanotte e sogni d'oro
dolce stella fuor dal coro.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: fucku
    in Poesie (Filastrocche)
    Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
    E ancora tengo er grugno de cartone
    che servì p'annisconne quello mio.
    Sta da vent'anni sopra un credenzone
    quela maschera buffa, ch'è restata
    sempre cò la medesima espressione,
    sempre cò la medesima risata.
    Una vorta je chiesi: - E come fai
    a conservà lo stesso bonumore
    puro ne li momenti der dolore,
    puro quanno me trovo fra li guai?
    Felice te, che nun te cambi mai!
    Felice te, che vivi senza core! -
    La Maschera rispose: E tu che piagni
    che ce guadagni? Gnente! Ce guadagni
    che la gente dirà: Povero diavolo,
    te compatisco... me dispiace assai...
    Ma, in fonno, credi, nun j'importa un cavolo!
    Fà invece come me, ch'ho sempre riso:
    e se te pija la malinconia
    coprete er viso cò la faccia mia
    così la gente nun se scoccerà... -
    D'allora in poi nasconno li dolori
    de dietro a un'allegria de cartapista
    e passo per un celebre egoista
    che se ne frega de l'umanità.
    Composta giovedì 6 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      in Poesie (Filastrocche)

      Notte

      Vi auguro una notte stellata
      vi auguro una notte d'amore
      a voi che avete passione
      vi auguro un domani solare
      vi auguro un futuro stellare
      a voi che avete sofferto l'alluvione
      vi auguro un bene plateale
      vi auguro una carezza con il cuore
      a voi che conoscete questo vero autore

      ora sparirò nella notte
      ora sparirò fino al mattino
      da adesso sono il vostro bicchiere di vino.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta
        in Poesie (Filastrocche)

        Il coriandolo

        Il coriandolo è un coso impertinente
        che approfitta di tutte le occasioni,
        del risvolto nel fondo dei calzoni,
        d'una bocca socchiusa e sorridente.
        S'appiccica, s'insinua, s'introduce
        anche colà dove non giunge luce
        e per provar che manca di rispetto
        quando ti svegli te lo ritrovi a letto.
        Vota la poesia: Commenta