Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Andrea De Candia

Episodio in biblioteca

Una ragazza bionda si è chinata su una poesia. Con una matita affilata come un bisturi trasferisce le parole su un foglio bianco e le trasforma in trattini, accenti, cesure. Il lamento del poeta caduto in combattimento ha ora l'aspetto di una salamandra smangiucchiata dalle formiche.
Quando lo trasportavamo sotto il fuoco, credevo che il suo corpo ancora caldo sarebbe risorto nella parola. Ora, vedendo la morte delle parole, so che non c'è limite alla decomposizione. Di noi resteranno lettere sparse nella terra nera. Accenti sul nulla e sulla polvere.
Zbigniew Herbert
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea De Candia

    La voce

    Vado al mare
    per udire quella voce
    fra un colpo e l'altro dell'onda

    ma la voce non c'è
    c'è solo la senile garrulità dell'acqua
    il nulla salato
    l'ala d'un bianco uccello
    rinsecchita sulla pietra

    vado nel bosco
    dove dura ininterrotto
    il fruscio d'una enorme clessidra
    che trasmuta foglie in terra nera
    terra nera in foglie
    potenti mandibole d'insetti
    divorano il silenzio della terra

    vado nei campi
    lastre verdi e gialle
    fissate con spilli d'esistenze d'insetti
    risuonano a ogni tocco di vento

    dov'è quella voce
    dovrebbe farsi udire
    quando per un attimo tacerà
    l'instancabile monologo della terra

    niente solo sussurri
    schiocchi scoppi

    torno a casa
    e l'esperienza assume
    forma di alternativa
    o il mondo è muto
    o io sono sordo

    forse però
    siamo entrambi
    segnati da una infermità

    dobbiamo perciò
    prenderci sottobraccio
    andare avanti
    verso nuovi orizzonti
    verso gole contratte
    da cui fuoriesce
    un incomprensibile borbottio.
    Zbigniew Herbert
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea De Candia

      Il ciottolo

      Il ciottolo è una creatura
      perfetta

      uguale a se stesso
      attento ai propri confini

      esattamente ripieno
      di senso pietroso

      con un odore che non ricorda nulla
      non spaventa nulla non suscita desideri

      il suo ardore e la sua freddezza
      sono giusti e pieni di dignità

      provo un grave rimorso
      quando lo tengo nel palmo
      e un falso calore
      ne pervade il nobile corpo

      - I ciottoli non si lasciano addomesticare
      fino alla fine ci guarderanno
      con un occhio calmo e molto chiaro.
      Zbigniew Herbert
      Vota la poesia: Commenta