Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz
Di nuovo parlo con i rovi,
Di nuovo infinito è il bisogno dei pioppi.
Si freme
Assieme ad ogni filo d'erba
Quando si rimane soli.

Per scordare il tuo rimprovero
Senza un briciolo d'amore,
Guardo i passeri saltellare
Tutto il giorno lungo il cornicione.

Tra le mani stringo le ginocchia
Forte, fino a farmi male. Poi di scatto
Mi rialzo, lancio un fischio
Da maschiaccio, e mi sfugge un sorriso.
Tat'jana Bek
Vota la poesia: Commenta