Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Simonetta L.
Sono stanca urlava la natura,
nessuno ascoltava.
Sono stanca urlava la terra,
nessuno ascoltava.
Sono stanca urlava l'ossigeno,
nessuno ascoltava.
Tutta l'umanità era stanca,
nessuno ascoltava.
Ora un grande silenzio echeggia nel mondo,
il silenzio di chi invoca aiuto.
La speranza pervade nei cuori.
Ognuno si affida alla propria fede.
Questo è il dilemma: "credere".
Nella mano di Dio che possa operare attraverso competenti dottori, virologi ed esperti, oppure ad un miracolo? Chi è ateo si affida alla scienza, ma sempre a qualcosa si affida.
Spero che da ciò si possa trarre il meglio, per un domani migliore. Non dimentichiamoci che le cose essenziali e semplici sono davanti ai nostri occhi. Ben venga il progresso, ma solo a scopo costruttivo. Fermatevi per il bene di tutta l'umanità.
Fermatevi non dimenticate che la terra urla.
Simonetta Luciani
Vota la poesia: Commenta