Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Sara Zilli Karlovic
Mi copro il volto
ormai sciolto
dal trucco
dal dolore e sconforto.
Indebito ritorno
di un mostro.

L'amarezza che scorre nel sangue,
rimango illesa
colpita da un frammento
scorgo una scintilla,
che brilla
allo spegnersi del fuoco.

E mi tradisce
la sabbia bagnata appiccicosa
nella mente
che un tempo,
ad ogni risveglio,
non voleva altro che questo
... fare l'amore con te.
Sara Zilli Karlovic
Composta giovedì 22 settembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sara Zilli Karlovic

    Fotografia

    Senza obiettivo,
    vedo te,
    dal viso luminoso
    e il paesaggio sfumato dai colori dell'arcobaleno.
    Senza obiettivo,
    ingrandisci il cuore mio,
    che ormai batte solo per un motivo,
    il tuo sorriso.

    Scattando una foto,
    storta e disordinata,
    come me,
    con i capelli al vento
    e lo sguardo malizioso.
    Ma che importa,
    quello che conta è la spontaneità,
    quella che incontro inserendomi nel tuo mondo.

    Dipingo così
    nella mente
    la mia fotografia,
    sperando di non togliere più
    quel sorriso dalle tue labbra.
    Sara Zilli Karlovic
    Composta domenica 3 maggio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sara Zilli Karlovic
      La rabbia che mi soffoca
      tra le taglienti parole non dette
      ma strette in gola
      come lamette.

      Affogo il dolore nel pianto,
      dell'animo mio affranto,
      e mai nessuno se n'è accorto,
      poiché coperto dal corpo
      il dolore contorto.

      Sopraffatto dall'orgoglio,
      di vergogna che accompagna
      la tristezza sul tuo volto,
      non è altro che simbolo
      della fiducia che mi hai tolto.
      Sara Zilli Karlovic
      Composta lunedì 8 agosto 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sara Zilli Karlovic
        Tu,
        come un gabbiano
        voli nei luoghi sconosciuti,
        verso nuove scoperte,
        e come esso ti perdi
        nell'immenso e profondo mare
        che mi circonda
        e che da te mi separa.

        Io non ti vedo
        ma intravedo un raggio di luce
        nei tuoi passi incerti,
        attraverso esso ti seguo,
        rincorro la scia di luce
        che attraversa il mio volto,
        cupo e ansioso
        mentre aspetto il tuo ritorno.
        Sara Zilli Karlovic
        Composta venerdì 23 settembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Sara Zilli Karlovic
          Ora non avete alcun scampo,
          è la frase che dicono sempre,
          e così mi aggrappo
          alla tristezza
          e alla brezza di mezza estate
          che soffia tra i capelli,
          unisce le nostre mani
          inserendo gli anelli.

          Non temo più di perderti,
          assaporo per la prima volta
          la voglia di averti
          solo per me.
          Dopotutto i miei sorrisi
          da oggi
          hanno un altro nome.
          Sara Zilli Karlovic
          Composta giovedì 15 giugno 2017
          Vota la poesia: Commenta