Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Roberto Stelli

CUOCO RISTORATORE, nato lunedì 4 ottobre 1965 a GENOVA (Italia)

Scritta da: Roberto Stelli

Lungo fiume

Era mattina,
camminavo sull'argine del fiume e vidi riflesso un volto,
coperto,
di menzogne,
con un sorriso ironico.
Mi guardò,
rimasi li immobile,
stupito ed incredulo,
Distolsi lo sguardo,
mi sentii osservato,
allora mi voltai,
colsi il suo corpo,
vestito di scuro,
disteso sul fiume,
formò un nome,
che scorreva come un film in bianco e nero.
Roberto Stelli
Composta venerdì 10 ottobre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Roberto Stelli

    Manhattan

    Ti accarezzai,
    passeggiando a Central Park,
    ti guardai tra l'aria gelida che ci avvolgeva,
    eravamo noi,
    tra la folla assieme come non mai.
    Adesso mancano quei passi,
    quelle sincere carezze,
    quegli sguardi di libertà
    di una vita senza menzogne,
    di frasi ignoranti,
    melodie stonate sul nostro percorso.
    Dammi solo un attimo...
    Uomo.
    Un attimo senza tempo, per vivere con te, così come saresti,
    nudo,
    da quei vestiti non comprati da te,
    anima mia.
    Roberto Stelli
    Composta giovedì 15 dicembre 2011
    Vota la poesia: Commenta