Scritta da: lancillotto

La nostra spiaggia

Complice luna, il tenue tuo chiarore
par suggerire, alla compagna schiva,
di abbandonar lo scoglio del pudore:
la brezza del piacere la ravviva,

mi stringe a sé, si tuffa dentro il cuore.
Quando l'ultimo abbraccio giunge a riva
con l'onde ardenti ed ebbre dell'amore,
son caldi, come panni all'afa estiva,

i nostri corpi... e tace la riviera.
Carezzo dolcemente i suoi capelli
che tingono d'argento la mia sera,

li cingo come fragili gioielli,
poi sfuggono a una coccola leggera
sciogliendo al vento i riccioli ribelli.
Roberto Mestrone
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di