Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Riccardo Annč

Sera d'estate

In una sera d'agosto
asciugavi la tua pelle
dal sudore delle stelle.
Legato al tuo respiro
mi univo a te,
al tuo corpo ribelle.
Quasi avvolto
dalla risacca argentata,
vivevo un sogno proibito,
insieme a te,
desiderio impedito.
Correva la sera,
sł un brivido che ci fermava.
Eravamo lģ,
tra il cuore e le stelle.
E mentre alzavo gli occhi,
scrutavo la luna,
e il cielo s'imbruniva.
Riccardo Annč
Composta sabato 31 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta