Scritta da: coccinell@

Voce del verbo amare

Semplice come parlare,
necessario come respirare.
Difficile come ascoltare,
intenso come il sapore della cioccolata invernale.
Lieve come la felicità.
Graffiante come il dolore.
Leggero come il volo di un sogno,
stretto come il morso di un abbraccio.
Libero come l'anima,
prigioniero di se stesso.
Gelosia intrinseca,
passione di un tocco esperto.
Paura come rischiare,
coraggio di lasciarsi andare.
Tempo da regalare,
rispetto da non dimenticare.
Ballare in punta di piedi,
saper restare seduti ad osservare.
Leggere tra i pensieri,
scrivere insieme le emozioni.
Aspettarsi.
Arricchirsi delle differenze,
compensare le mancanze.
Fantasticare seriamente.
Mistero come quello che nasconde una continua ricerca.
Rovescio come diritto.
Ragione come istinto.
L'inutilità del superfluo, la profondità del necessario e tutto ciò che credi non debba mancare.
Sostantivo amore.
Voce del verbo amare.
Raffaella Berardi
Composta venerdì 18 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di