Scritta da: Marco Giannetti
Ciove, e a mente mia fa fatica a passà mmieso a sto mpuso.
'O fuoco scoppa e fa pulcelle, ma rù core mio non se scalla.
Rù iatto se vota e sarrevota mienti nzino sarreposa,
vo esse purisso accarezzato,
comme rù core mio è purisso sconsolato.
Uardo fore pe verè se ru tiempo s'è schiarito,
ma rù cielo è sempe scuro.
Fa e fuse ru iatto mienti rorme
e maccorgio che è sulo nu suonno rò passato.
Non è chiù tempo pe nui re esse nammurati,
potemmo solo rurmi annanzi 'o fuoco.
Amico mio, chigli tiempi sò passati,
perciò, ruormi e riposa commè
annanzi 'o fuoco.
Quirino De Ciccio
Composta venerdì 2 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di